FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Turchia, nuovo naufragio: 25 morti Egeo, navi Nato contro i trafficanti

Ennesima tragedia della disperazione. La Guardia costiera turca è al lavoro per cercare altri superstiti. Si muove lʼAlleanza Atlantica

Turchia, nuovo naufragio: 25 morti Egeo, navi Nato contro i trafficanti

Almeno 25 persone sono morte nel naufragio di un'imbarcazione di migranti al largo della località turca di Didim. Lo rende noto l'agenzia di stato Anatolia, aggiungendo che altri 15 profughi sono stati tratti in salvo dalla guardia costiera. Le ricerche continuano per trovare eventuali dispersi e non ci sono dettagli sulla nazionalità dei naufraghi. Nel 2016 almeno 400 persone hanno perso la vita cercando di raggiungere l'Europa via mare.

Nella stessa zona, tra Turchia e Grecia, la Guardia costiera italiana è riuscita a salvare decine di migranti a bordo di due imbarcazioni naufragate.

Navi Nato nel Mar Egeo - "La Nato ha deciso di dispiegare navi nel mar Egeo, nelle acque territoriali di Grecia e Turchia, nell'ambito degli sforzi per affrontare la crisi dei migranti e dei rifugiati e per contrastare il traffico di esseri umani". Lo annuncia la stessa Alleanza Atlantica in una nota. La Nato sottolinea poi come le attività "saranno svolte in stretta collaborazione e consultazione con entrambi gli alleati e con l'agenzia Frontex".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali