FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Turchia, una donna italiana fermata dalla polizia nel sud-est del Paese

Altri tre connazionali, arrivati come osservatori elettorali, erano stati bloccati e poi subito rilasciati. Diversi fermi per insulti a Erdogan nei social

E' ancora in stato di fermo la cittadina italiana, arrivata in Turchia come osservatrice elettorale, bloccata dalla polizia a Batman, nel sud-est a maggioranza curda. La donna, fermata durante un controllo stradale, aveva ricevuto l'incarico di controllare le operazioni di voto dal partito filo-curdo Hdp. Secondo fonti locali si tratta di Christina Cartafesta e le autorità del nostro Paese in Turchia seguono il caso.

Altri tre italiani, fermati dagli agenti a Diyarbakir, sono stati subito rilasciati. Sarebbero inoltre stati fermati altri cittadini stranieri perché volevano osservare le elezioni pur non avendo l'accredito dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazioni in Europa. Si tratta di tre francesi bloccati ad Agri e tre tedeschi a Sirnak.

Insulti a Erdogan, sei arresti - E ancora, nel giorno delle elezioni, almeno sei persone sono state arrestate dalla polizia in Turchia con l'accusa di aver insultato il capo dello Stato, Recep Tayyip Erdogan, in alcuni video pubblicati sui social network. I filmati sarebbero stati diffusi a margine del comizio del principale candidato di opposizione, Muharrem Ince, che ha riunito a Istanbul centinaia di migliaia di sostenitori. I fermi sono stati effettuati nelle province curde.


Secondo l'agenzia statale Anadolu le forze di sicurezza stanno cercando di identificare altri utenti sospettati di "offese alle autorità" statali. Dalla sua elezione a presidente nell'agosto 2014, centinaia di persone sono state processate per insulti a Erdogan. Tra gli altri giornalisti, personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo e molti studenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali