FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Turchia, fratello la dichiara morta per non dividere lʼeredità: dopo 23 anni dimostra di essere viva

Ha esibito documenti di residenza, dichiarazioni bancarie e passaporti senza successo. Lo scorso 31 agosto, dopo tutto questo tempo, il suo certificato di morte è stato annullato

Turchia, fratello la dichiara morta per non dividere l'eredità: dopo 23 anni dimostra di essere viva

Una donna turca di 61 anni, Sevim Hayva, è stata dichiarata morta dal fratellastro che, per non rischiare di dover dividere con lei l'eredità del padre, è riuscito a far registrare il suo falso decesso. E' da 23 anni che la donna tenta di certificare la sua esistenza alle autorità del suo Paese senza alcun successo. Alla fine Sevim si è rivolta a un giudice di Smirne, che il 31 agosto, dopo un lungo processo, ha fatto annullare il certificato di morte. La Procura, intanto, ha aperto un'inchiesta a carico del fratellastro.

La vicendaI genitori di Sevim hanno divorziato quando aveva quattro anni. Lei è stata affidata a un'altra famiglia, mentre il padre ha avuto due matrimoni e ulteriori figli. Con il passare degli anni, Sevim, si è sposata, ha avuto due bambini, ha divorziato e si è trasferita in Canada, dove vive tutt'ora. Nel 1993 uno dei fratellastri ha consegnato il suo falso certificato di morte e quello di un'altra sorellastra al capo del villaggio in cui vivevano. La sorella, dopo anni, ha contattato Sevim, raccontandole di avere una storia simile alla sua e entrambe hanno cercato di dimostrare di essere vive. A lungo hanno esibito certificati di residenza e passaporti, senza successo. Non potevano neanche entrare in Turchia, essendo considerate morte. Finalmente il 31 luglio la vittoria. Una vittoria parziale, tuttavia, perchè mentre Sevim è riuscita a conseguire la sua battaglia, l'altra sorella non ha ancora ottenuto giustizia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali