FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Sud Sudan, lʼOnu denuncia: "Stupro usato come paga per i combattenti"

La situazione dei diritti umani nel Paese africano è tra le più "orrende nel mondo", si legge in un report delle Nazioni Unite

Sud Sudan, l'Onu denuncia: "Stupro usato come paga per i combattenti"

La situazione dei diritti umani nel Sud Sudan è tra le più "orrende nel mondo". E' quanto denuncia l'Onu in un agghiacciante rapporto reso noto a Ginevra. Nel dossier emerge che lo stupro viene usato come come paga per i combattenti dello Stato africano. "Fonti attendibili indicano che gruppi alleati al governo sono autorizzati a stuprare donne in sostituzione dei salari", si legge nel comunicato delle Nazioni Unite.

Stupro come strumento di terrore - Nel rapporto sul Sud Sudan l'Onu denuncia l'utilizzo massiccio dello stupro come strumento di terrore e come arma da guerra. Il documento dell'Alto commissariato Onu per i diritti umani descrive "in dettaglio" terribili violazioni, inclusa una politica della "terra bruciata" condotta dal governo, e la presa di mira deliberata di civili per uccidere, stuprare e saccheggiare.

Scioccante scala di violenza sessuale - La scala della violenza sessuale è "scioccante" nel Sud Sudan, afferma l'Onu: in soli cinque mesi l'anno scorso, da aprile a settembre, sono stati registrati più di 1.300 segnalazioni di stupri in un solo dei dieci Stati del Paese, lo Stato d'Unità, ricco di petrolio.

"La portata ed i tipi di violenza sessuale - in primo luogo da parte del governo delle forze SPLA e le milizie affiliate - sono descritti con dettagli devastanti e spaventosi, così come l'atteggiamento quasi disinvolto, ma calcolato, di coloro che hanno massacrato civili, distrutto beni e mezzi di sussistenza", commenta l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Ràad. Purtroppo, aggiunge, "gli stupri e gli stupri di gruppo descritti nel rapporto devono essere solo uno spaccato del totale".

Bimbi e disabili arsi vivi - Il rapporto contiene resoconti strazianti di civili sospettati di sostenere l'opposizione, compresi bambini e persone disabili, assassinati, bruciati vivi, soffocati in contenitori, impiccati ad alberi o tagliati a pezzi. Il rapporto conclude che vi sono ragionevoli motivi per ritenere che queste violazioni possono costituire crimini di guerra e/o crimini contro l'umanità", scrive l'Onu.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali