FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sud Sudan: "I caschi blu scappano e si rifiutano di proteggere i civili"

La triste realtà è emersa dallʼultimo rapporto dellʼong americana Center for Civilians in Conflict

Sud Sudan: "I caschi blu scappano e si rifiutano di proteggere i civili"

"I peacekeeper sono stati incapaci o non disposti a lasciare le loro basi per proteggere i civili fuori": questo è quanto emerge dal report dell'ong americana Center for Civilians in Conflict, riferendosi all'operato dei caschi blu durante gli scontri esplosi a luglio tra governativi e ribelli a Giuba, capitale del Sud Sudan. Secondo l'indagine delI'ong "i peacekeeper si sono chiusi nei propri uffici o sono scappati invece di uscire a proteggere i civili".

Il rapporto del Center for Civilians in Conflict è basato sulle testimonianze di civili, funzionari della missione ONU e volontari. Secondo quanto emerge, i peacekeeper in quei giorni non si sono visti. Alcuni hanno perfino abbandonato i PoC (Campi di Protezione dei Civili), luoghi creati appositamente all'interno delle basi Onu, dove i sudsudanesi si sono rifugiati dall'inizio della guerra civile, nel 2013. In realtà, il Paese è in conflitto da tempo, considerato che ci sono voluti oltre trent'anni per ottenere l'indipendenza, raggiunta nel 2011. A luglio la lotta tra il presidente Kiir, di etnia dinka, e il suo ex vice Machar, del gruppo nuer ha causato circa 50.000 morti. 

Sempre dal rapporto emerge che, dopo che alcuni caschi blu sono scappati abbandonando gli uffici, 5 mila sfollati hanno cercato rifugio lì, attraversando il filo spinato. In quel caso, riporta l'ong, i peacekeeper hanno risposto sparando gas lacrimogeni. 

In Sud Sudan la missione non era proprio ben vista dal governo. Nonostante ciò, questi dati rappresentano un altro duro colpo per i caschi blu: già a giugno un rapporto dell'Onu aveva messo in luce le loro negligenze a Malakal, sempre nel Sud Sudan: secondo le Nazioni Unite i peacekeeper non erano riusciti ad impedire il massacro nel campo profughi dello scorso febbraio perchè non sapevano come comportarsi di fronte ad un attacco.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali