FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Stati Uniti, pena di morte: giustiziato il detenuto più anziano

Walter Leroy Moody Jr. è stato sottoposto ad una iniezione letale nella prigione di Atmore per aver ucciso un giudice federale nel 1989

Stati Uniti, pena di morte: giustiziato il detenuto più anziano

E' stato giustiziato in Alabama un detenuto di 83 anni, che era stato condannato alla pena di morte per aver ucciso un giudice federale nel 1989 in un'ondata di azioni terroristiche nel sud degli Stati Uniti. E' il più anziano detenuto messo a morte da quando le esecuzioni della pena capitale sono riprese negli anni '70. Walter Leroy Moody Jr. è stato sottoposto ad una iniezione letale nella prigione di Atmore.

L'uomo non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione finale e non ha risposto quando un funzionario gli ha chiesto se avesse qualche ultima parola poco prima che l'iniezione iniziasse a fare effetto.

Nel dicembre del 1989, Moody aveva inviato quattro pacchi bomba uccidendo il giudice dell'Alabama Robert Vance e un attivista nero per i diritti civili, Robert Robinson. Altre due bombe, inclusa una inviata all'Associazione nazionale per l'avanzamento delle persone di colore in Florida, furono intercettate prima di esplodere.

Le autorità hanno riferito che Moody, che aveva frequentato la scuola di legge, provava rancore nei confronti del sistema legale perché un tribunale aveva rifiutato di rovesciare una condanna per possesso di una bomba del 1972, impedendogli di esercitare la professione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali