FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Sbarca da Sydney il padre del piccolo Julian: cresce lʼansia

Il bambino non è tra i dispersi, per la polizia spagnola "tutte le persone morte e ferite sono state trovate". Intanto lʼaustraliano ha fatto visita alla moglie in ospedale

E' sbarcato all'aeroporto di Barcellona con un volo da Sydney Andrew Cadman, il padre 47enne di Julian, il bimbo di 7 anni di nazionalità britannica-australiana del quale non si hanno notizie dal pomeriggio della strage sulla Rambla. L'uomo è stato accompagnato prima in obitorio e poi ha fatto visita alla moglie ricoverata in ospedale. Intanto, continuano a rincorrersi gli appelli, ma la polizia spagnola non ha dubbi e in un tweet spiega: "Né abbiamo cercato né abbiamo trovato un bimbo perso nell'attacco di Barcellona. Tutte le vittime e i feriti sono stati trovati".

Mistero sulla sorte di JulianDopo l'appello del nonno Tony  a poche ore dalla strage della Rambla e delle autorità britanniche e australiane si era diffusa la notizia che il bimbo fosse stato ritrovato vivo, ma ferito, in ospedale. Poi di nuovo si è ripiombati nell'angoscia: nessuna notizia di Julian. Pare che il padre, dopo il suo arrivo a Barcellona per seguire personalmente le ricerche, sia stato accompagnato anche all'obitorio, ma per ora non c'è alcuna conferma sulla sorte del figlio che era con la madre in vacanza nella città catalana.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali