FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Da Viterbo parla lʼamica italiana di Driss: "Non manifestava idee estremiste"

In unʼintervista a La Repubblica, Silvia Acciaresi, racconta del 28enne finito in cella perché a suo nome risulta noleggiato il van-killer della Rambla. "Un giovane normalissimo, beveva birra e pregava", il ricordo

Da Viterbo parla l'amica italiana di Driss: "Non manifestava idee estremiste"

Lo aveva incontrato a Barcellona nel 2014, poi la frequentazione in Italia in quelle due settimane in cui quel giovane era venuto a cercare lavoro. Niente di più, una semplice conoscenza, neanche un'amicizia, assolutamente no una relazione. Mette i puntini sulle i in un'intervista rilasciata a La Repubblica, Silvia Acciaresi, la 40enne di Viterbo che ha conosciuto Driss Oukabir, il 28enne marocchino finito in carcere dopo la strage di Barcellona perché risulta che a suo nome sia stato noleggiato il van-killer. "Sono finita in una cosa più grande di me, non sapevo nulla, non manifestava idee estremiste", esordisce la donna.

La convocazione della Digos - "Non avrei mai immaginato - confessa la vitarbese a La Repubblica. - In ogni caso se quell'uomo è un terrorista la polizia fa bene ad arrestarlo, con lui ho perso ogni contatto dal 2014". "Non è un mio amico", precisa. "Poi io dell'attentato non ne sapevo nulla. Ho saputo di essere finita in questa storia enorme quando la Digos mi ha  chiamato e detto che dovevo presentarmi in questura. Lì ho appreso tutto".

Il ricordo di quella conoscenza - "Era l'estate 2014", racconta Silvia Acciaresi. "Io conoscevo la madre, Fatima, e l'ho avvisata che sarei andata a Barcellona. Loro abitano a Ripoll, a cento chilometri, e lei mi ha detto che a Barcellona avrei trovato il figlio che lavorava". "Con Dirss è nata un'amicizia, ma nessuna storia d'amore come ho letto sui siti".

"Una persona normalissima" - Era "una persona normalissima. Beveva birra, pregava alle ore che doveva pregare, molto religioso". La donna sottolinea che con Driss "non c'è stata alcuna relazione". In Italia, "non è stato a casa mia ma in un bed and breakfast in paese", aggiunge. "Posso confermarle che il biglietto aereo Ryanair gliel'ho pagato io, non perché avevamo una relazione ma perché volevo aiutarlo a trovare un lavoro in Italia". "Non ha trovato lavoro, è andata via". La donna dice anche di non aver insistito per rivederlo: "Io avevo 40 anni e lui 25, un bambino per me".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali