FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Nizza, i genitori del killer spaventati dalla sua violenza lo cacciarono di casa a 16 anni

"Non viveva in un mondo reale", spiega il medico di Bouhlel al Nyt, "soffriva di alterazioni della realtà e di disturbi comportamentali"

I genitori di Mohamed Bouhlel, l'autista killer di Nizza, erano talmente spaventati per la violenza del figlio che lo mandarono via di casa quando aveva 16 anni. Lo scrive il New York Times aggiungendo che disperati, a 19, lo trascinarono dal dottor Hamouda Chemceddine che diagnosticò un inizio di psicosi e gli prescisse una cura a base di psicofarmaci.

"Non viveva in un mondo reale", ribadisce Chemceddine, in un'intervista al Nyt. Quando lo visitò, nel 2004, Bouhlel soffriva di alterazioni della realtà e di disturbi comportamentali. Gli aveva prescritto dei farmaci, ma lui non si era più presentato agli appuntamenti successivi. "C'era un inizio di psicosi", precisa il dottore al giornale americano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali