FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Estate 2016, la paura ridisegna le mappe del turismo

Dopo la strage di Nizza e il tentato golpe in Turchia, i viaggiatori scelgono nuove destinazioni per le loro vacanze estive. Al top Sicilia e Spagna

Gli attacchi terroristici e le crisi internazionali costringono i tour operator a ridisegnare le mappe del turismo. L'estate 2016 sarà ricordata per il considerevole calo di richieste di viaggi all'estero: 50% in meno rispetto agli anni precedenti. Secondo una ricerca di Coldiretti, inoltre, la paura condiziona la scelta per le vacanze anche degli italiani: uno su quattro ripensa alla destinazione delle ferie e si sale al 41% tra gli under 24. Ma Sicilia e Spagna resistono al terrore.

Mete a rischioVengono disertate dai turisti della bella stagione quelle destinazioni che, fino a poco tempo fa, erano privilegiate. Un esempio su tutte, la Turchia: nel 2014 era la sesta località più ambita, mentre ora, secondo i tour operator, sarebbe uscita completamente di scena.

Stesso discorso per la Tunisia, considerata poco sicura a partire dal 2015, dopo il massacro sulla spiaggia di Sousse e la strage al museo del Bardo.

E anche la Francia perde quota. Le conseguenze della strage di Nizza non sono ancora calcolabili, ma il flusso di turisti si è praticamente dimezzato dagli attentati di novembre a Parigi.

Infine, si riducono i voli verso l'Egitto, il Marocco e tutto il Maghreb.

Le destinazioni più richiesteIn questa situazione la Grecia conquista posizioni e turisti, dopo una stagione negativa dovuta all'emergenza migranti. Ma chi ci guadagna davvero è la Spagna: aumentano del 30-35% le richieste su Canarie e Baleari, percepite come più sicure.

Sicilia al topIn ascesa anche la domanda per le vacanze in Italia. Molti connazionali rimangono in patria e gli stranieri dimostrano di apprezzare sempre di più spiagge e montagne della penisola. In queste condizioni, la Sicilia insieme alla Calabria potrebbero trasformarsi in tappe quasi obbligate, figurando nella lista delle nuove rotte preferite dai viaggiatori. Nell'isola i segnali sono confortanti: l'aeroporto di Palermo ha registrato nel primo semestre del 2016 un incremento di passeggeri, nazionali e non, del 13,2% e un aumento di voli dell'8,6%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali