FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Siria, i russi annunciano: "Trovato laboratorio chimico a Douma, è dei ribelli"

La "verità" fornita dallʼesercito di Putin per contrastare gli attacchi ad Assad da parte dellʼOccidente

I militari russi sostengono di aver trovato un laboratorio a Douma, in Siria, usato dai miliziani per fabbricare armi chimiche. "Un laboratorio chimico e un deposito di sostanze chimiche sono stati trovati durante un'ispezione - spiega alla tv Rossiya-24 Alexander Rodionov, un portavoce delle truppe di Mosca - . Hanno trovato un contenitore di cloro simile a quello usato dai miliziani per mettere in scena il falso attacco chimico".

Mosca a Macron: "Smetta manipolare l'opinione pubblica" - La Russia intanto risponde all'Eliseo e alle accuse francesi che puntavano il dito contro Mosca, rea, a loro dire, di bloccare l'accesso al sito del presunto attacco chimico in Siria. Nel frattempo la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova ha invitato i Paesi occidentali a "smettere di manipolare l'opinione pubblica" sulla questione, sottolineando che "non è chiaro il motivo per cui il ministero degli esteri francese stia parlando in nome dell'Opac (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche). Se gli ispettori hanno avuto problemi, facciano una dichiarazione su questo problema", ha detto.

Il governo francese ha detto che "molto probabilmente" le prove sarebbero "scomparse" dal sito di un presunto attacco chimico su Douma, prima che arrivassero gli esperti. Zakharova ha definito l'accusa "molto sorprendente", affermando che la Russia ha sostenuto l'ispezione. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno anche espresso preoccupazione che Mosca potesse manomettere le prove sul sito. "Chiediamo ai paesi occidentali che hanno preso parte all'illegittimo bombardamento della Siria di smettere di manipolare l'opinione pubblica e interferire nel lavoro delle organizzazioni internazionali", ha detto Zakharova. Il Cremlino ha smentito che la Russia e la Siria stessero bloccando l'accesso: "accuse infondate".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali