FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Scoperto un buco nero grande venti miliardi di volte il nostro Sole

La massa individuata dallʼUniversità nazionale australiana divora la materia che lo circonda a un ritmo incredibilmente veloce, emette quantità enormi di energia ed è nata oltre 12 miliardi di anni fa

Scoperto un buco nero grande venti miliardi di volte il nostro Sole

Ha una massa che è venti miliardi maggiore rispetto al nostro Sole il buco nero appena scoperto dall'Università nazionale australiana. Nato quando l'universo era giovanissimo, si espande a una velocità superiore a quella di ogni altro buco nero finora osservato e sta divorando la materia che lo circonda al ritmo di una quantità pari a due volte quella del Sole ogni due giorni.

La straordinaria scoperta è stata diffusa dalla rivista Publications of the Astronomical society of Australia. Il buco nero emette quantità enormi di energia, composta principalmente di luce ultravioletta ma anche di raggi X, scrive Christian Wolf della Research School of Astronomy and Astrophysics dell'ateneo. "Se questo mostro fosse al centro della nostra Via Lattea, brillerebbe 10 volte di più di una luna piena - spiega l'astronomo, che ha coordinato la ricerca -. Apparirebbe come una stella incredibilmente luminosa che farebbe scomparire dalla vista tutte le stelle del cielo".

Questo colosso cosmico è stato individuato dall'osservatorio della stessa università a Siding Springs, dove viene utilizzato un telescopio SkyMapper da 2,3 metri. Secondo gli studiosi la sua origine risale a oltre 12 miliardi di anni fa, quando si fa risalire la nascita dell'universo, e il tasso di crescita è pari all'1% ogni milione di anni.

"Questo buco nero si estende così rapidamente da brillare migliaia di volte più di un'intera galassia grazie a tutti i gas che risucchia continuamente, e che causano forte frizione e grande calore", sottolinea ancora Wolf. Buchi neri così grandi e di così rapida crescita sono estremamente rari. Il più recente prima d'ora è stato rinvenuto dal satellite Gaia dell'Agenzia Spaziale Europea nella sua missione per misurare piccoli movimenti di oggetti celesti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali