FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Parigi, Bruxelles, Nizza e le altre: quando il terrorismo prende di mira cultura e turismo

Gli estremisti islamici sembrano voler spargere il terrore con attentati nei luoghi preferiti per viaggi e vacanze al mare

Parigi, Bruxelles, Nizza e le altre: quando il terrorismo prende di mira cultura e turismo

Parigi, Bruxelles, Nizza. E poi ancora Sousse, il Mar Rosso, Istanbul. L'obiettivo dei terroristi islamici sembra essere chiaro: spargere il terrore nei luoghi frequentati da viaggiatori per via di cultura e turismo. Dai musei alle spiagge fino agli aeroporti, senza dimenticare la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, i fondamentalisti stanno puntando a colpire località meta dei vacanzieri, per l'arte o il relax al mare.

La Promenade des Anglais è l'ultimo paesaggio da sogno attaccato dai fondamentalisti. Prima ancora, nel giugno del 2015, la spiaggia di un resort di Sousse in Tunisia (con 38 vittime) e Sharm El Sheik, ottobre 2015, con un charter russo appena decollato schiantatosi nella penisola del Sinai. Senza dimenticare luoghi crocevia degli spostamenti come gli aeroporti di Zaventem e Istanbul, oppure la metropolitana di Maelbeck. Il terrorismo punta a minare le abitudini e lo stile dei vita Occidentale, spargendo sangue su centri di cultura come il centro proprio di Istanbul, a due passi dalla Moschea Blu.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali