FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Nucleare Pyongyang, da Seul la risposta: interdetta la zona del Kaesong

Negato lʼaccesso alle persone che non siano impiegate nel polo industriale che si trova in unʼarea geograficamente condivisa tra le due Coree

Nucleare Pyongyang, da Seul la risposta: interdetta la zona del Kaesong

Prima reazione, stavolta non solo diplomatica, della Corea del Sud al nuovo test atomico di Pyongyang. Seul ha infatti limitato l'accesso alla zona industriale di Kaesong, condivisa fra le due Coree. Il ministero dell'Unificazione di Seul ha detto che sarà negato l'accesso alle persone che non siano impiegate nel polo industriale, escludendo così clienti e potenziali acquirenti e fornitori di servizi.

Nucleare Pyongyang, da Seul la risposta: interdetta la zona del Kaesong

Il complesso di Kaesong, che si trova in territorio nordcoreano lungo il confine tra i due Paesi, include 124 aziende sudcoreane che gestiscono circa 54mila lavoratori nordcoreani ed è una fonte importante di reddito per l'economia soffocata di Pyongyang.

La Corea del Sud ha inoltre annunciato che riprenderà i proclami di propaganda anti-Pyongyang al confine fra le due Coree, che il Nord considera un atto di guerra, come forma di ritorsione dopo l'annuncio del test nucleare. La propaganda con altoparlanti al confine fu interrotta in agosto come misura di distensione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali