FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Nigeria, sequestrato un sacerdote italiano durante una rapina

Don Maurizio Pallù è stato rapito da un gruppo armato non ancora identificato. La Procura di Roma indaga per terrorismo

Un sacerdote italiano della diocesi di Roma, don Maurizio Pallù, è stato sequestrato giovedì in Nigeria. Sull'accaduto è già stata allertata la Farnesina. La Procura ha aperto un fascicolo di indagine per terrorismo. L'uomo sarebbe stato bloccato insieme ad altre quattro persone mentre si stava recando a Benin city, nel sud del Paese. Un gruppo armato ha rapinato i malcapitati e rapito il sacerdote, che si trova in missione in Nigeria da tre anni.

Il sacerdote italiano è appartenente al Cammino neocatecumenale ed è da tre anni in missione nel Paese africano. Don Maurizio, riporta Avvenire, ha 63 anni, originario di Firenze, dove ha incontrato il Cammino neocatecumenale, è stato missionario laico per 11 anni in diversi Paesi del mondo. Poi nel 1988 è entrato in seminario, al Redemptoris Mater di Roma.

Dopo avere operato come cappellano in due parrocchie romane è stato inviato in Olanda, dove è diventato parroco nella diocesi di Haarlem. Quindi è ripartito per l'Africa, dove è andato a lavorare nell'arcidiocesi di Abuja, in Nigeria. E' un "presbitero itinerante" della Fondazione Famiglia di Nazareth per l'evangelizzazione itinerante.

Il Papa prega per lui - "Papa Francesco è stato informato del sacerdote italiano rapito in Nigeria, don Maurizio Pallù, e sta pregando per lui". Lo riferisce via Twitter il direttore della Sala stampa vaticana, Greg Burke.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali