FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Migranti, lʼAustria fa sul serio: tornano i controlli ai valichi con lʼItalia

Vienna introduce 12 presidi sul confine meridionale, Brennero compreso. Juncker: "Sono contrario alla chiusura delle frontiere in Unione europea"

Migranti, l'Austria fa sul serio: tornano i controlli ai valichi con l'Italia

Per limitare il flusso dei migranti Vienna ha annunciato che saranno svolti controlli sui valichi con l'Italia. Sono in tutto 12 i passi sul confine meridionale che saranno presidiati, tra cui Tarvisio, Brennero e Resia. L'intervento di controllo dell'Austria prevede più ordini d'azione. L'attenzione sarà rivolta al traffico dei veicoli, dei treni e delle persone.

L'annuncio arriva dal ministro dell'Interno, Johanna Mikl Leitner, e dal ministro della Difesa, Hans Peter Doskozil poco dopo le parole di Jean-Claude Juncker, che si è detto "contrario alla chiusura delle frontiere in Unione europea".

Controlli saranno svolti anche nelle zone a ridosso della frontiera. Degli appositi nuclei di intervento saranno impiegati, se del caso, per impedire l'intrusione di gruppi di persone che dovessero fare uso della forza.

Ipotesi recinzioni - "Le misure previste dall'Austria ai valichi di frontiera sono in fase di pianificazione - chiarisce Johanna Mikl Leitner -. I tempi dipenderanno dall'evolversi delle rotte seguite dai migranti. Mikl Leitner non esclude "se necessario" anche l'eventuale utilizzo "di recinzioni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali