FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Migrante espulso dalla Germania si suicida, è polemica su Seehofer

Chieste le dimissioni del ministro che aveva fatto una battuta su 69 afghani rimpatriati (tra cui il suicida). La replica: "Non è colpa mia"

Migrante espulso dalla Germania si suicida, è polemica su Seehofer

Bufera in Germania intorno al ministro dell'Interno Horst Seehofer. Il 10 luglio il leader della Csu aveva detto di aver festeggiato il suo 69esimo compleanno con il rimpatrio di 69 migranti afghani. Il giorno dopo uno di loro è stato trovato morto suicida in un albergo di Kabul. E sono così scoppiate le polemiche su Seehofer, con la richiesta da più parti di sue dimissioni.

"E' arrivato il momento che Seehofer se ne vada", ha detto Jan Korte del partito di estrema sinistra Die Linke. Protestano anche i Verdi. "Seehofer non ha fallito solo moralmente, semplicemente non ha capito il principio del primo articolo della nostra Costituzione", ha affermato il deputato di origine iraniana Omid Nouripour. Ma il ministro si difende: "Non è colpa mia".

Bilaterale Salvini-Seehofer: "Obiettivi comuni" - Intanto a Innsbruck si è tenuto un bilaterale tra il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e il collega tedesco Seehofer. "Con la Germania abbiamo obiettivi comuni: memo sbarchi, meno morti, meno immigrati", ha detto il vicepremier, sottolineando che tali obiettivi si raggiungono innanzitutto con il "supporto europeo" per il controllo delle frontiere esterne e "rivedendo le regole delle missioni europee nel Mediterraneo che portano tutti i migranti in Italia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali