FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Mali, attacco contro un residence di turisti: liberati 32 ostaggi, almeno tre civili morti

La Farnesina rassicura: "Non ci sono notizie di italiani coinvolti"

E' stato attaccato in Mali un residence turistico, molto popolare tra gli occidentali, alla periferia di Bamako, la capitale del Paese. L'assalto è stato compiuto da un gruppo jihadista. Il governo annuncia che è in corso un blitz ma ci sarebbero già delle vittime, almeno tre. I terroristi hanno anche preso degli ostaggi, la maggior parte dei quali liberati dalle teste di cuoio.

Una coppia di stranieri che si trovava nella hall sarebbe stata subito uccisa. Un altro ospite dell'hotel sarebbe morto davanti il suo bambino di cinque anni. Una delle vittime, da quanto ha confermato il ministero della Sicurezza maliano, è di nazionalità franco gabonese. Anche uno degli aggressori sarebbe morto. Ci sarebbero sette feriti, di cui quattro gravi tra i soldati arrivati subito dopo la prima sparatoria.

Il Campement Kangaba non è un hotel del centro, come il Radisson Blu che era stato colpito nel mese di novembre 2015, ma si tratta di una nota località turistica di proprietà dell'imprenditore francese Hervé Depardieu. Tra gli ospiti c'erano anche alcuni soldati della Minusma, la missione Onu in Mali, in licenza.  

Pare che l'intenzione degli assalitori fosse di prendere ostaggi: non si sa se ne abbiano ancora in mano alcuni, ma almeno una ventina (32 secondo il ministero della Sicurezza) sono stati liberati nel blitz delle forze di sicurezza. Le forze speciali maliane, assistite dai caschi blu di Minusma, hanno accerchiato tutto il perimetro del complesso turistico, mentre gli assalitori hanno cercato rifugio in una collina dietro il resort.

Il Mali di recente è vittima di una campagna di violenza senza precedenti. Dal mese di marzo 2017, il leader del gruppo terrorista Ansar Dine Iyad Ag Ghaly (nord del Mali), ricercato senza sosta dai militari dell'operazione Barkhane, ha formato un'alleanza con il predicatore Amadou Kufa (Mali centrale) e l'algerino Yeyia Abu Hama (AQIM). Durante una visita a Gao, la principale base militare francese nell'ambito dell'operazione Barkhane lo scorso maggio, il presidente Emmanuel Macron è impegnato impegnato a continuare gli sforzi per combattere il terrorismo in un contesto difficile in cui le minacce il caos è ancora appeso sopra il Mali.

Assalto a resort in Mali: la mappa

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali