FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Londra, attacco a Buckingham Palace: la polizia arresta un secondo uomo

Fermato in un quartiere della zona ovest della capitale britannica, avrebbe aiutato il 26enne a preparare lʼattentato

Londra, attacco a Buckingham Palace: la polizia arresta un secondo uomo

Un secondo uomo è stato arrestato nel Regno Unito dalla polizia britannica in relazione all'attacco di venerdì sera, vicino a Buckingham Palace, in cui alcuni agenti sono stati accoltellati. Si tratta di un 30enne, dicono a Scotland Yard, sospettato di essere il complice del 26enne che ha aggredito e ferito alcuni agenti.

Secondo la ricostruzione fornita dalla polizia, è stata questa la dinamica dell'attacco di venerdì sera: un uomo ha guidato deliberatamente in direzione di un van della polizia, fermandosi proprio davanti al veicolo, vicino a Buckingham Palace. A quel punto l'aggressore, che era da solo a bordo dell'auto, ha preso una spada lunga oltre un metro, che aveva con sè nel veicolo, sul lato del passeggero. Gli agenti sono intervenuti per fermarlo e nella colluttazione due di loro sono rimasti feriti. Intanto l'aggressore ha più volte urlato "Allah Akbar".

Il secondo uomo arrestato sarebbe coinvolto nella preparazione dell'attacco di venerdì ed è stato rintracciato dal comando anti-terrorismo nella zona ovest di Londra. Le forze di sicurezza stanno inoltre effettuando una perquisizione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali