FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Libia, "No esecuzione per Failla-Piano" Legale: autopsia Tripoli macelleria

Dallʼautopsia è emersa lʼimpossibilità di stabilire, dopo gli esami in Libia, il tipo di arma, la distanza da cui sono stati esplosi i proiettili e la loro traiettoria. La Procura di Roma: "I due forse uccisi in una sparatoria"

Libia, "No esecuzione per Failla-Piano" Legale: autopsia Tripoli macelleria

Salvatore Failla, ucciso in Libia insieme a Fausto Piano dopo 7 mesi di prigionia, è morto per colpi che hanno raggiunto lo sterno e la zona lombare. Questo secondo i periti di parte che non hanno rilevato alcun foro in testa. "L'autopsia eseguita a Tripoli è stata una macelleria", ha detto il legale della famiglia Failla. Secondo la Procura di Roma i due italiani non sono stati vittima di un'esecuzione, ma sarebbero morti in una sparatoria.

"E' stato fatto qualcosa - ha aggiunto l'avvocato Francesco Caroleo Grimaldi - che ha voluto eliminare l'unica prova oggettiva per ricostruire la dinamica dei fatti". Il penalista, che assiste i familiari di Failla, ha tuttavia riconosciuto l'impegno dei rappresentanti italiani in Libia che "si sono battuti per evitare questo scempio".

"Femore-omero sinistri fratturati" - "La maggiore lesitività sul corpo l'abbiamo riscontrato sul lato sinistro, con la frattura del femore e dell'omero", hanno spiegato i medici legali Luisa Regimenti e Orazio Cascio, consulenti per conto della famiglia. "Le condizioni della vittima - hanno aggiunto - sono quelle di una persona che ha sofferto la prigionia, con barba e capelli lunghi ed un corpo debilitato dalla perdita di peso: 68 chilogrammi a fronte dei 76 quando è partito".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali