FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Jihadi John, lʼIsis conferma la morte del boia: ucciso in un raid aereo

Lo Stato islamico ha confermato traimte la propria rivista "Dabiq" la notizia dellʼuccisione dellʼautore di numerose decapitazioni

Jihadi John, l'Isis conferma la morte del boia: ucciso in un raid aereo

L'Isis ha ufficializzato la morte di Abu Muharib al-Muhajir, meglio noto a tutti come Jihadi John, il boia responsabile di numerose decapitazioni di prigionieri stranieri filmate e circolate sul web. La conferma è arrivata attraverso "Dabiq", la rivista dello Stato islamico.

Jihadi John, l'Isis conferma la morte del boia: ucciso in un raid aereo

Il boia dello Stato islamico era stato dato per ucciso in un attacco americano contro i jihadisti a Raqqa, in Siria, lo scorso 13 novembre da fonti britanniche e del Pentagono.

Nell'ultimo numero di "Dabiq", la pubblicazione in inglese dell'Isis, Jihadi John è ricordato con un vero e proprio necrologio, accompagnato da una foto, nel quale viene chiamato Abu Muharib al-Muhajir. Nell'articolo si racconta che la madre del boia era yemenita e che lui era cresciuto a Londra, "un luogo che odiava come odiava i suoi infedeli abitanti".

Mohammed Emwazi era uno degli uomini piu' ricercati al mondo, da quando comparve la prima volta in video nell'agosto del 2014 per annunciare la decapitazione del giornalista americano James Foley. Seguirono i filmati delle macabre uccisioni di un altro giornalista Usa, Steven Sotloff, del cooperante americano Abdul-Rahman Kassig, dei britannici David Haines e Alan Henning e del giornalista giapponese Kenji Goto. Da allora, Emwazi è diventato l'obiettivo dei servizi segreti e degli attacchi delle forze americane in Siria.

Lo scorso novembre la notizia che un drone americano lo aveva colpito a morte a Raqqa, in Siria. Nessuna conferma ufficiale è mai arrivata né da Washington né da Londra anche se il Pentagono dichiarò che c'era la "ragionevole certezza che Jihadi John è morto" e il premier britannico David Cameron si affrettò a dire che l'attacco vicino alla roccaforte di Raqqa è stato uno sforzo congiunto di Gran Bretagna e Stati Uniti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali