FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

India, 20 anni di carcere al guru Ram Rahim: si temono rivolte

Pugno di ferro della polizia dopo i disordini di venerdì: pronti a sparare

India, 20 anni di carcere al guru Ram Rahim: si temono rivolte

Il guru indiano Gurmeet Ram Rahim, riconosciuto colpevole di stupro nei confronti di due seguaci avvenuti nel 2002, è stato condannato a 20 anni di carcere. Nel corso del dibattito in tribunale il guru ha ammesso le proprie responsabilità chiedendo clemenza al giudice. Intanto le forze di sicurezza indiane sono in allerta, la polizia ha dato l'ordine di sparare a vista in caso di tentativi di dare il via a nuove proteste.

Nelle violente proteste dei sostenitori del guru, venerdì, sono morte almeno 38 persone e 200 sono rimaste ferite. Le autorità hanno imposto il coprifuoco in diverse aree degli Stati di Haryana e Punjab, mentre Nuova Delhi è in allerta.

Secondo le tv indiane il capo della associazione socio-spirituale Dera Sacha Sauda si è abbandonato a scene di disperazione, piangendo apertamente e rifiutandosi, seduto in terra, di abbandonare l'aula. A quanto risulta le vittime si sono dette insoddisfatte della sentenza e sono determinate a presentare appello contro una sentenza considerata troppo clemente.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali