FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Filippine rimpatriano 10mila lavoratori da Kuwait e vietano nuovi impieghi

Il presidente Duterte denuncia il ritrovamento del cadavere di una collaboratrice domestica da circa un anno in un congelatore, mentre le associazioni parlano di molti abusi, anche sessuali.

Filippine rimpatriano 10mila lavoratori da Kuwait e vietano nuovi impieghi

Il dipartimento per gli Affari esteri delle Filippine dispone il rimpatrio di 10mila lavoratori migranti in Kuwait. Questo provvedimento segue a ruota il "divieto totale" per i lavoratori filippini di cercare nuovi posti di lavoro nell'emirato ed è dovuto ai moltissimi casi di gravi maltrattamenti da parte dei ricchi padroni. Nel Paese del Golfo ci sono oltre 250mila lavoratrici e lavoratori domestici non coperti dalla legislazione ordinaria sul lavoro e, di fatto, ai limiti della schiavitù. E' famoso il video in cui un'eritrea, appesa alla finestra, era stata filmata precipitare anziché aiutata dalla datrice di lavoro.

Un piaga sociale - Secondo le stime del ministero degli Esteri riportate da AsiaNews, in Kuwait vi sono oltre 250mila lavoratori filippini, la maggioranza dei quali è impiegata come personale di servizio nelle case dei ricchi. Nell'emirato, i lavoratori domestici non sono coperti dalla legislazione ordinaria sul lavoro. Gruppi di attivisti per i diritti umani hanno documentato abusi diffusi, tra cui il mancato pagamento delle retribuzioni, lunghi orari di lavoro senza giorni di riposo, aggressioni fisiche e sessuali e nessun canale chiaro di riparazione.

I precedenti - Lo scorso gennaio, il governo delle Filippine aveva sospeso l'invio di lavoratori in Kuwait, dopo che il presidente Rodrigo Duterte aveva dichiarato che gli abusi da parte dei datori di lavoro hanno spinto diversi aiutanti domestici a suicidarsi. La nuova misura disposta da Manila segue il ritrovamento, la scorsa settimana, del corpo della 29enne Joanna Demafelis, domestica filippina, nel congelatore di un appartamento in Kuwait. Si sospetta che il corpo sia stato conservato nel congelatore per più di un anno.
In rete circola un video in cui una domestica, appesa fuori dalla finestra di un palazzo, urla chiedendo aiuto alla padrona che, invece che porgerle la mano, continua a filmarla finché non precipita dal settimo piano, riuscendo però a cavarsela.

La rabbia di Duterte - Le Filippine si erano già lamentate ufficialmente per il trattamento dei propri lavoratori in Kuwait e il 9 febbraio 2018, Duterte ha lanciato un duro attacco all'indirizzo del Paese mediorientale. In un acceso discorso pubblico, ha brandito la fotografia della giovane donna ritrovata nel freezer, denunciando gli abusi sessuali subiti dalle lavoratrici, spesso costrette anche a cibarsi degli scarti dei datori di lavoro. Rivolgendosi al Kuwait, il presidente ha dichiarato: "C'è qualcosa di sbagliato nella vostra cultura? C'è qualcosa di sbagliato nei vostri valori?".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali