FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Crisi Siria, Merkel: "Inorridita dai raid russi, gravi sofferenze ai civili"

Vertice ad Ankara tra la cancelliera e il premier turco Davutoglu su come cercare di limitare lʼafflusso di profughi verso lʼEuropa occidentale

Crisi Siria, Merkel: "Inorridita dai raid russi, gravi sofferenze ai civili"

Non sono "solo scioccata ma anche inorridita" per le sofferenze subite dai civili a causa dei raid russi in Siria. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel ad Ankara, in una conferenza stampa congiunta con il premier turco Ahmet Davutoglu. La Merkel ha spiegato che Germania e Turchia intendono fare pressioni congiunte sull'Onu per chiedere di far rispettare la risoluzione che invitava tutte le parti coinvolte a fermare gli attacchi.

La cancelliera si è detta quindi "inorridita" dalle "sofferenze umane" dei siriani ammassati alla frontiera tra Siria e Turchia. Secondo il premier turco si tratta di "circa 30mila" persone. La Turchia, ha detto Davutoglu, accoglierà i profughi siriani ammassati al confine "quando sarà necessario", mentre la campagna aerea russa non va tollerata con l'idea che Ankara li accetterà.

La Turchia, ha aggiunto, informerà la prossima settimana Bruxelles sui progetti iniziali legati ai 3 miliardi di euro in fondi Ue destinati ad arginare il flusso di migranti. Al termine dell'incontro, il premier turco ha reso noto che Turchia e Germania lavoreranno insieme per cercare di coinvolgere la Nato per risolvere l'emergenza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali