FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Elezioni in Turchia, Erdogan oltre il 52%: "Eʼ la vittoria della democrazia"

"Spero che nessuno danneggi la democrazia gettando ombre sul risultato del voto per nascondere il proprio fallimento", ha aggiunto il Capo dello Stato

"Una vittoria della democrazia". Così il Capo dello Stato Recep Tayyip Erdogan ha definito il voto presidenziale e parlamentare in Turchia, rivendicando la vittoria. "Spero che nessuno danneggi la democrazia gettando ombre sul risultato del voto per nascondere il proprio fallimento", ha aggiunto. Erdogan ha ottenuto oltre il 52% dei consensi.

Elezioni in Turchia, Erdogan e i suoi sfidanti al voto

Anche la coalizione che sostiene Erdogan mantiene la maggioranza assoluta in Parlamento, grazie al risultato sopra le attese dei nazionalisti dell'Mhp, veri vincitori di questo voto. Senza di loro, l'esito sarebbe stato rovesciato. Ora, per il Sultano si profila un mandato di cinque anni con poteri quasi assoluti, ma in un Paese sempre spaccato a metà. Per il nuovo esecutivo la priorità sarà l'economia, dopo il crollo della lira turca che negli ultimi due mesi ha perso il 20%.

La delusione dell'opposizione - Forte la delusione per l'opposizione. Dopo il bagno di folla nelle piazze, lo sfidante laico Muharrem Ince non ha tradito nelle urne, superando il 30%: un risultato che il suo Chp non toccava dagli anni Settanta. Ma non è bastato. Deludente la performance dell'ex ministra degli Interni nazionalista Meral Aksener, che si ferma poco sopra il 7%, dietro anche a Selahattin Demirtas, il leader carismatico curdo candidato dal carcere, all'8,2%.

Perde consensi il partito di Erdogan, crescono i nazionalisti - Per il Parlamento, la coalizione del Popolo Akp-Mhp si assicura circa 340 dei 600 seggi con il 53,5% complessivo. Ma il partito di Erdogan perde molti consensi e senza i nazionalisti, che con l'11% ottengono una cinquantina di seggi e si rilanciano al centro della scena politica, non sarebbe riuscito a tenere la maggioranza assoluta. Ora, è probabile che l'agenda di governo ne risulti fortemente influenzata. L'alleanza della Nazione del Chp con il Buon Partito di Akesener e gli islamisti del Sp si ferma a 191 seggi con il 34%. In Parlamento entrano ancora i filo-curdi dell'Hdp, superando la soglia di sbarramento del 10% e conquistando 67 deputati.

Elezioni in Turchia, i poteri di Erdogan

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali