FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Detroit, class action contro strip club: ballerine strappano accordo milionario

A portare avanti la denuncia sono state 28mila ragazze che dovevano pagare lʼaffitto per esibirsi nei locali e versare al proprietario il 30% delle mance ricevute

Detroit, class action contro strip club: ballerine strappano accordo milionario

Un giudice federale di Detroit ha approvato l'accordo tra una class action portata avanti da oltre 28.000 ballerine e la catena di strip club "Deja Vu" che dovrà versare 6,5 milioni di dollari. Le ragazze, che dovevano pagare l'affitto per entrare nei club e versare il 30% delle mance ricevute, chiedevano di essere assunte regolarmente. Il nuovo accordo propone tariffe per le prestazioni e comporta modifiche a lungo termine nei salari.

Sei ballerine hanno presentato obiezioni all'accordo proposto affermando che la cifra pattuita fosse troppo bassa (circa 200 dollari a testa). Il Deja Vu potrà continuare a determinare, in accordo con la ragazza, se si tratti di impiegata o lavoratrice indipendente. Il giudice distrettuale di Detroit, Stephen Murpy, ha inoltre messo in guardia le ballerine: "Se i membri della class action dovessero continuare a litigare tra di loro c'è il rischio che non ricevano nulla".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali