FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Caso Regeni, Al Sisi: "Avrete la verità" Matteo Renzi: "Parole importanti"

Il presidente egiziano promette massima collaborazione e si chiede: "Chi ha interesse a colpire la collaborazione tra i due Paesi?". Plaude Matteo Renzi: "Parole importanti, dimostrano passi avanti"

Caso Regeni, Al Sisi: "Avrete la verità" Matteo Renzi: "Parole importanti"

"Prometto ai genitori di Giulio Regeni che faremo luce e arriveremo alla verità. Lavoreremo con le autorità italiane per dare giustizia e punire i criminali che lo hanno ucciso". Il presidente egiziano, Abd al-Fattah Al Sisi, parla per la prima volta della scomparsa del giovane ricercatore friulano, morto in Egitto a fine gennaio. Plaude il premier Matteo Renzi: "Da Al Sisi parole importanti, dimostra che sono stati fatti evidenti passi avanti".

Renzi: "Parole importanti, ora verità" - Dal presidente egiziano sono arrivate "parole molto importanti che confermano quello che lui chiama il rapporto speciale tra Italia ed Egitto", ha detto Matteo Renzi, lasciando la Camera. "E' importante il coinvolgimento del procuratore Pignatone e che ci sia condivisione nelle indagini. Questa intervista in cui tra l'altro il presidente si rivolge direttamente alla famiglia Regeni mostra che ci sono evidenti e significativi passi in avanti. Ora tutti insieme troviamo i colpevoli", ha aggiunto il premier.

Intervistato dal quotidiano La Repubblica, Al Sisi non nasconde le sue perplessità su tempi e modalità dell'omicidio: "Come mai hanno fatto ritrovare il corpo durante la visita del vostro ministro? Chi ha interesse a colpire la collaborazione tra Egitto e Italia?". "E' stato uno shock anche per noi. Ciò che è accaduto è inaccettabile", aggiunge.

"Sconvolti da quanto accaduto" - L'omicidio di Regeni, dice ancora il presidente egiziano, "non ci appartiene e sconvolge non solo il governo ma tutto il nostro popolo. Questo è un fatto drammatico ma unico, migliaia di italiani hanno visitato, lavorato e vissuto in Egitto e a nessuno di loro è mai accaduto nulla. Sono stati in sicurezza". Al Sisi ha poi commentato l'accusa secondo cui, in queste sei settimane seguite alla morte di Regeni, la collaborazione nelle indagini dell'Egitto sia apparsa debole e insufficiente.

"L'indagine qui in Egitto è dal primo momento sotto la diretta supervisione del procuratore generale - ha assicurato - e ci sono gruppi di investigatori specializzati che stanno lavorando giorno e notte per scoprire le cause reali e svelare le circostanze che hanno provocato questa drammatica morte. Non ci fermeremo finché non sarà stata raggiunta la verità sulla fine di Giulio Regeni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali