FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Boko Haram, ennesima strage in NigeriaBimba non si fa esplodere: "Cʼè mio papà"

Una giovane (potenziale) kamikaze ha deciso allʼultimo istante e poi ha fornito informazioni su altri potenziali attacchi

Boko Haram, ennesima strage in NigeriaBimba non si fa esplodere: "C'è mio papà"

Nuovi particolari inquietanti emergono a due giorni dalla strage provocata da Boko Haram in un campo profughi nel nord della Nigeria (almeno 60 morti). Una fonte locale, infatti, ha raccontato che era pronta a farsi esplodere una terza kamikaze; una ragazzina che, però, all'ultimo istante ha rinunciato a realizzare la sua "missione". Sembra ormai accertato, infatti, che la bambina avesse riconosciuto il padre in mezzo alla folla che la circondava. E, quindi, avrebbe deciso di fermarsi all'ultimo istante. Interrogata dalle forze dell'ordine, la giovane ha poi fornito informazioni su altri potenziali attacchi.

Poteva essere ancora più drammatico, quindi, il bilancio delle vittime dell'attacco di Boko Haram al campo profughi di Dikwa. Ancora una volta, ad essere utilizzate per seminare la morte erano state tre ragazzine. Per compiere le stragi, per farsi saltare in aria, alle giovani sarebbe bastato un gesto. Volontario, perché nessuno le "telecomanda". Il giubbetto esplosivo, facile da nascondere sotto la veste lunga che indossano le donne di ogni età nel Nordest della Nigeria, esplode con un piccolo movimento. Un bottone da spingere. Questa volta, però, dentro i cancelli del rifugio abitato da 52 mila persone (erano solo 7 mila nel settembre scorso) non tutto è andato come previsto.

La terza kamikaze, infatti, all'ultimo istante ha deciso di "cambiare programma". Perché tra la folla che sarebbe saltata in aria c'era suo padre. E, alla sua vista, ha deciso di fare un (decisivo) passo indietro. Ed è scappata. Trovata dai vigilantes in lacrime, li ha portati nel luogo dove si era spogliata della veste esplosiva. E ha cominciato a raccontare tutto. Tra le oltre cento ragazze impiegate in "suicidi di massa" da Boko Haram non rientrerà il suo nome. Una fatalità.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali