FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Australia, disereda la moglie via sms: per i giudici il testamento è valido

Lʼuomo si è ucciso dopo aver scoperto la relazione extraconiugale della donna. Ora i suoi averi andranno al fratello e al nipote

Australia, disereda la moglie via sms: per i giudici il testamento è valido

Un sms non inviato è stato dichiarato valido come documento testamentario. La Corte suprema di Brisbane, in Australia, ha stabilito che le ultime volontà di un 55enne morto suicida nel 2016, espresse in un messaggino rinvenuto nella memoria del suo cellulare, dovessero essere rispettate. Il defunto ha deciso di diseredare la moglie e il figlio, lasciando tutti i suoi averi al fratello e al nipote.

Un testamento a tutti gli effetti - Per il giudice Susan Brown, "la natura informale del messaggio non toglie che questo basti a rappresentare le intenzioni testamentarie del defunto". Il testo, che riporta anche le coordinate bancarie e la dicitura "testamento" è, quindi, sufficiente a definire le linea ereditaria. La moglie potrà comunque fare ricorso, come prevede il diritto di famiglia, per ottenere la proprietà della casa coniugale.

La delusione amorosa - Secondo quanto si legge nell’sms d’addio, l’uomo avrebbe deciso di uccidersi dopo aver scoperto la relazione extraconiugale della moglie. "Tu e il nipote tenetevi tutto quello che ho, la casa e la pensione, mettete le mie ceneri nel cortile sul retro", ha scritto rivolgendosi al fratello. Poi ha espresso il suo dolore per il fallimento del matrimonio: "Lei prenderà solo le sue cose, è tornata dal suo ex, sono distrutto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali