FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Assad: "I raid dellʼOccidente uniranno la Siria" | Macron: "Operazione legittima"

Il presidente siriano ha ricevuto una delegazione russa a Damasco dopo la rappresaglia degli Stati Uniti. Trump elogia il raid e ringrazia gli alleati. Tajani: "Messaggio esplicito allʼIran: tutelare Israele"

Assad: "I raid dell'Occidente uniranno la Siria" | Macron: "Operazione legittima"

I missili occidentali sulla Siria non avranno altro effetto che "unire il Paese" sotto la mia leadership. Lo afferma il presidente Assad, ricevendo a Damasco una delegazione russa. La presidenza siriana ha poi postato una foto dell'incontro su Twitter. Sulla legittimità del raid, contestata da Mosca, Macron è sicuro: "Siamo intervenuti in modo legittimo. Una risoluzione del 2013 prevede l'uso della forza se usate armi chimiche".

Per Assad invece dopo il raid è stata messa in atto una vera e propria campagna di menzogne al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro la Siria e la Russia. Ciò "dimostra che entrambi i Paesi stanno combattendo una battaglia non solo contro il terrorismo, ma anche a difesa del diritto internazionale che si basa sul rispetto per la sovranità degli Stati e della volontà dei loro popoli", ha aggiunto.

Opac a Douma per verificare l'uso di armi chimiche - Intanto gli ispettori dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) hanno iniziato la loro indagine sul presunto uso di armi chimiche a Douma, la principale città della Ghouta orientale, in Siria. Lo ha annunciato il viceministro degli Esteri siriano Ayman Soussan. "Il team di verifica è arrivato a Damasco sabato e si recherà a Douma domenica", ha dichiarato. La delegazione di esperti indagherà sull'attacco del 7 aprile in cui le potenze occidentali accusano le forze del regime di aver usato armi chimiche come cloro e sarin. Nell'attaco sono morti almeno 40 civili. "Garantiremo che possano lavorare in maniera professionale, ogettiva, imparziale e liberi da qualsiasi pressione", ha garantito.

Trump elogia il raid - Sabato dopo la rappresaglia guidata dagli Stati Uniti, Donald Trump ha telefonato agli alleati Macron e May e li ha ringraziati per il sostegno nell'attacco. I tre hanno convenuto che i bombardamenti "'hanno avuto successo" ed erano necessari per indebolire il programma di armi chimiche di Damasco. Trump in un tweet ha ribadito: "Attacco perfetto". In Gran Bretagna il ministro degli Esteri Johnson ha messo in guardia da possibili ritorsioni russe.

Macron: "Operazione riuscita" - "L'operazione è riuscita sul piano militare, i missili hanno raggiunto gli obiettivi, è stata distrutta la loro capacità di produrre armi chimiche. E da parte loro non c'è stata nessuna vittima". Lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, parlando in diretta tv dei raid in Siria. "La decisione di intervenire è stata presa domenica scorsa, 48 ore dopo le prime identificazioni dell'uso di armi chimiche nella Ghouta orientale".

Il presidente del Parlamento Ue: inviato un messaggio all'Iran - In Siria "c'è molto da fare e bisogna agire perché la situazione non degeneri" e bisogna anche "garantire la sicurezza di Israele". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani a Tgcom24. "L'attacco americano - ha aggiunto - più che contro i russi e Assad mi sembrava portare un messaggio chiaro agli iraniani perché non vadano al di là di un certo limite al confine". "Ue e Onu devono fare di più, in quell'area il confronto non è tra Usa e Russia ma è molto più intricato, ci sono interessi iraniani, sauditi, turchi, bisogna garantire la sovranità di Israele, tutelare la minoranze cristiane, è un ginepraio". Tajani ha reso noto che proseguirà le sue consultazioni sulla crisi siriana e fra un paio d'ore sentirà la premier britannica Theresa May. Lunedì ci sarà la plenaria al Parlamento di Strasburgo, dove martedì interverrà anche il presidente francese Emmanuel Macron.

Usa, Francia e Gb presentano bozza di risoluzione all'Onu - A poche ore dall'attacco in Siria e dopo la bocciatura della risoluzione russa che condannava i raid, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno rilanciato la sfida. I tre alleati hanno fatto circolare una bozza di risoluzione congiunta al Consiglio di sicurezza Onu che punta ad aiuti umanitari senza ostacoli in Siria, una tregua immediata e chiede a Damasco di impegnarsi nei negoziati di pace sotto egida Onu.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali