FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Altro che pelle chiara: il primo britannico era nero e riccio ma con gli occhi azzurri

Una ricerca del museo di storia naturale di Londra ha permesso di ricostruire il volto e le fattezze dellʼuomo primitivo detto di Cheddar

Altro che pelle chiara: il primo britannico era nero e riccio ma con gli occhi azzurri

Uno a zero della scienza sui luoghi comuni e i pregiudizi: uno studio del museo di storia naturale di Londra sui resti dell'uomo di Cheddar - uno scheletro di un antenato diretto dei britannici attuali - ha dimostrato che i primi inglesi erano di colore. Grazie ad approfonditi test del Dna e a modelli tridimensionali è stato possibile ricostruire il volto e le fattezze del cosiddetto Cheddar Man, uno scheletro ritrovato nel 1903 all'interno della gola omonima, nell'Inghilterra sud-occidentale, e considerato il primo "abitante" moderno delle isole britanniche, all'incirca 10mila anni fa.

Sua caratteristicha era, oltre agli occhi azzurri e a una altezza di 1,65 centimetri, una pelle molto scura. Lo studio conferma insomma che la carnagione chiara degli europei è un fenomeno piuttosto recente, arrivato come risposta a una nuova dieta: il passaggio dalla caccia all'agricoltura avrebbe infatti richiesto un'altra fonte di vitamina D, assorbita dalla luce del sole proprio grazie a una pelle più bianca.

In un progetto congiunto del museo di Storia naturale britannico e dell'University College London, i ricercatori hanno scavato un buco di due millimetri nel cranio ed estratto polvere di osso per analizzarla. I risultati dell'esame hanno ribaltato l'immagine dell'uomo di Cheddar che era stata pubblicizzata fino a oggi, con pelle chiara e occhi scuri.

"È molto sorprendente che un inglese di 10mila anni fa avesse una combinazione di occhi molto azzurri e pelle molto scura" ha detto Chris Stringer, scienziato del museo che per dieci anni ha analizzato i resti delle persone trovate nella caverna.

Grazie a una stampante 3D è stato allestito un busto dell'uomo di Cheddar, completo di capelli scuri e barba corta. Il paleoartista Alfons Kennis, che ha costruito il busto con il fratello Adrie, ha detto che le ultime scoperte sono "rivoluzionarie". "È una vicenda che riguarda tutte le migrazioni attraverso la storia" ha detto a Channel 4 in un documentario che andrà nei prossimi giorni. "Forse ci libera dall'idea che devi avere un certo aspetto se provieni da un certo posto. Siamo tutti migranti" ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali