FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Afghanistan, nel 2017 almeno 10mila civili morti o feriti

Secondo il rapporto Onu il dato è in calo del 9% rispetto allʼanno precedente, ma aumenta il numero di vittime degli attentati

Afghanistan, nel 2017 almeno 10mila civili morti o feriti

Nel 2017 oltre 10mila civili sono morti o hanno riportato ferite a causa del conflitto in Afghanistan, secondo i dati diffusi dall'Unama, la missione delle Nazioni Unite di assistenza al Paese. Il rapporto nota che le vittime sono state 10.453, di cui 3.438 morti e 7.015 feriti, con un calo del 9% rispetto al 2016; aumenta però di molto il numero di persone uccise in attentati, cresciuto del 17% rispetto all'anno precedente.

Complessivamente, 57 attacchi suicidi e altre forme di attentato hanno causato 605 morti e 1.690 feriti, diventando la principale causa di morte e lesioni. "Questa tendenza è già confermata nel 2018", ha detto la rappresentante speciale delle Nazioni Unite Tadamichi Yamamoto, ricordando i tre grandi attacchi compiuti a Kabul e quello contro l'ong britannica Save the Children a Jalalabad, nell'Est dell'Afghanistan, che hanno ucciso più di 130 persone e ne hanno ferite altre 250 a fine gennaio.

Le vittime di attacchi complessi - cioè di esplosioni, seguite dall'attacco di insorti - rappresentano il 22% del totale, "il bilancio più pesante mai registrato in un solo anno (per questo tipo di attacchi) da quando la misisone di assistenza dell'Onu ha iniziato a documentare le vittime civili del conflitto afgano nel 2009", hanno riferito le Nazioni unite.

"La gente viene uccisa durante le attività quotidiane, quando viaggia in autobus, prega alla moschea o semplicemente perché passa vicino a un edificio", ha commentato l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Raad Al Hussein. L'Onu è particolarmente preoccupata per l'aumento degli attacchi settari contro la comunità sciita e le sue moschee, principalmente a Kabul ed Herat (Ovest), rivendicati dal gruppo dello Stato islamico. "La cosa più preoccupante è l'aumento degli attacchi indiscriminati su aree densamente popolate", hanno insistito gli autori del rapporto, in particolare a Kabul, città in cui si è registrato il 16% del numero totale di vittime nel 2017.

Il rapporto delle Nazioni Unite assegna circa i due terzi di tutte le vittime (65%) ai ribelli (il 42% ai talebani, il 10% all'Isis e il 13% indeterminato), il 13% alle forze governative e il 2% alle forze internazionali. Con l'aumento dei raid aerei statunitensi e afgani contro le postazioni talebane e dell'Isis, le vittime non volute o causate da errore sono aumentate del 7% rispetto al 2016, con 295 morti e 336 feriti, "il bilancio annuale sulle operazioni aeree più pesante dal 2009".

Secondo la missione Onu, la maggior parte delle vittime è stata fatta dalle forze statunitensi, le uniche nella coalizione occidentale a condurre operazioni aeree: nonostante le poche sortite (25 alla settimana in media, contro le 40 dei piloti afgani), i bombardamenti americani hanno ucciso 154 persone e ferito 92 civili in 49 operazioni. Il numero di donne (+22%) e di bambini (+33%) colpiti da questi attacchi è in aumento, anche se "il rapporto tra il numero di raid e il numero di vittime mostra un miglioramento delle procedure", ha stimato l'Onu.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali