FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Uccise il marito dopo 47 anni di abusi: 400mila firme per la grazia a Jacqueline

Mobilitazione in Francia per far sì che Hollande tolga la condanna a una donna che, come i suoi quattro figli, ha sofferto tutta la vita

Uccise il marito dopo 47 anni di abusi: 400mila firme per la grazia a Jacqueline

Non solo terrorismo internazionale. Da diverse settimane, in Francia, si parla molto anche di Jacqueline Sauvage, la 66enne recentemente condannata a 10 anni di carcere per aver ucciso a fucilate il marito dopo 47 anni di violenze subìte (anche dalle loro 3 figlie) e all'indomani del suicidio dell'unico figlio maschio. Oggi, per far sì che Hollande (che ha ricevuto le tre figlie della donna) le conceda la grazia, sono già state raccolte 400.000 firme sul sito change.org.

Jacqueline Sauvage, figlia di una donna che a sua volta, senza mai denunciare, aveva subìto violenza da parte del marito, aveva incontrato Norbert Marot quando era adolescente. Prima l'amore, poi il matrimonio e quattro figli. E una casa in cui vivere a a Selle-sur-le-Bied, piccolo comune francese nel dipartimento del Loiret, nella regione del Centro. Presto, però, le mura di casa sono diventate una prigione. Con infinite violenze domestiche e abusi. Tra il 2007 e il 2012, anche quattro ricoveri in ospedale. Stesso destino per le figlie femmine (ma anche per quello maschio, che ha finito col suicidarsi).

Nel settembre 2012, quindi dopo quasi mezzo secolo di sofferenza, Jacqueline ha ucciso il marito con tre colpi di fucile alla schiena. La condanna a dieci anni da parte della corte d'assise ha fatto insorgere le tre figlie. "Nostra madre ha sofferto per tutta la sua vita di moglie, vittima di nostro padre, uomo violento, tirannico, perverso e incestuoso", hanno più volte ripetuto Sylvie, Carole e Fabienne. Una testimonianza che ha fatto eco alle accuse di lassismo dello Stato francese e alle lungaggini della Giustizia quanto alle violenze fatte alle donne. Riuscirà la petizione e la maxi raccolta di firme a cambaire la sorte di una decennale vittima?

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali