FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Moda, Burberry dice "stop" allʼinquinamento: non brucerà più i prodotti invenduti

La decisione arrica dopo le proteste degli ecologisti per lʼimpatto ambientale dei roghi. Nel 2017 sarebbero stati ridotti in cenere accessori e capi di vestiario per un valore di 34 milioni di dollari

Moda, Burberry dice "stop" all'inquinamento: non brucerà più i prodotti invenduti

Non bruciare i prodotti d'abbigliamento invenduti per ridurre l'inquinamento: è quanto ha deciso l'azienda di moda britannica Burberry, finita al centro di animate polemiche per l'abitudine di dare fuoco ad accessori e capi al fine di evitarne la contraffazione, il furto o la rivendita a prezzi più bassi. Ad aprile il Times aveva denunciato che, nel 2017, "avanzi di magazzino" firmati Burberry erano stati distrutti e ridotti in cenere per un valore di 34 milioni di euro, non senza perplessità anche da parte di alcuni azionisti.

Il brand di lusso ha comunicato che la decisione "avrà effetto immediato". La pratica di bruciare la merce invenduta non è del resto nuova nel mondo dei grandi marchi della moda: di recente anche la catena svedese H&M ha ammesso di optare per la distruzione per combustione, pur di tutelare "la proprietà intellettuale" delle creazioni.

L'azienda ha inoltre confermato che non utilizzerà più pelliccia di animali, come anticipato nel mese di maggio: la svolta sarà visibile già nella collezione che verrà presentata il 17 settembre alla Settimana della moda di Londra. Da anni Burberry utilizzava solo pelliccia di coniglio, volpe, visone e procione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali