FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

In Italia 2 milioni case vecchie e malmesse, gonfiano bolletta energia

Lʼanalisi condotta da Confartigianato mostra il pessimo stato degli edifici del nostro Paese. La situazione peggiore nel Mezzogiorno

In Italia 2 milioni case vecchie e malmesse, gonfiano bolletta energia

Un quinto delle case italiane è vecchio e in cattive condizioni. Nel nostro Paese, infatti, 2.051.808 edifici residenziali (il 16,8% del totale) sono in mediocre e pessimo stato di conservazione. Lo rileva un'analisi condotta da Confartigianato, evidenziando che le cattive condizioni delle case, "oltre a mettere a rischio la sicurezza dei cittadini, contribuiscono a gonfiare la bolletta energetica".

Situazione peggiore al Mezzogiorno - Peggiore il quadro nel Mezzogiorno, dove sono più diffuse le cattive condizioni delle case. Il record negativo si registra in Sicilia con il 26,8% del totale degli edifici residenziali in mediocre-pessimo stato di conservazione. Seguono la Calabria, con una quota del 26,2%, e la Basilicata con il 22,3%.

Meglio in Umbria e Trentino - Le cose vanno decisamente meglio in Umbria e in Trentino Aldo Adige, regioni in cui la quota di case in cattive condizioni è la più bassa d'Italia e si limita al 10,7% del totale. Segue la Toscana, dove la quota sale all'11,5%.

Il quadro provincia per provincia - A livello provinciale il primato negativo va a Vibo Valentia con 31,4% delle case in cattive condizioni, seguita da Reggio Calabria (31,3%) e Catanzaro (25,8%). Al capo opposto della classifica, le abitazioni in miglior stato si trovano a Prato (8,2% di case vecchie sul totale), Bolzano (8,5) e Siena (8,5%). In totale in Italia si contano 12.187.698 edifici residenziali - l'84,3% degli edifici totali - con 31.208.161 abitazioni. I tre quarti (74,1%) degli edifici residenziali sono stati costruiti prima del 1981 e hanno quindi oltre 35 anni di vita, mentre le realizzazioni più recenti sono il rimanente 25,9%.

Bonus fiscali - La spinta a migliorare la condizione delle abitazioni arriva dai bonus fiscali per ristrutturazioni e risparmio energetico. "E' indispensabile - sottolinea Arnaldo Redaelli, presidente di Confartigianato Edilizia - rendere stabili e permanenti, nella misura indicata nella legge di Stabilità 2016, gli incentivi fiscali che consentono di raggiungere più obiettivi: riqualificazione del patrimonio immobiliare, risparmio ed efficientamento energetico e difesa dell'ambiente, rilancio delle imprese delle costruzioni, emersione di attività irregolari".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali