FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Gb, al bando cannucce in plastica: linea dura del governo contro lʼinquinamento

Nel Paese ne vengono utilizzate 8,5 miliardi ogni anno, record in Ue

Gb, al bando cannucce in plastica: linea dura del governo contro l'inquinamento

La Gran Bretagna potrebbe presto bandire le cannucce in plastica, un intervento da tempo richiesto in tutto il mondo dalla Plastic Pollution Coalition per diminuire l'inquinamento. La proposta è allo studio del governo dopo essere stata già approvata, ma solo per il territorio della Scozia, dalle autorità locali di Edimburgo. Sull'isola si stima che vengano utilizzate 8,5 miliardi di cannucce l'anno, record assoluto in Europa.

Secondo il ministro dell'Ambiente del Regno, Michael Gove, si tratta di un'idea che potrebbe "aiutare" l'intero Paese a diventare più "environmentally friendly". A maggior ragione per il numero iperbolico di cannucce monouso che si stima siano utilizzate sull'isola da bevitori di cocktail o di bibite light. Si tratta infatti, come sottolinea il Telegraph, di oggetti che non possono essere riciclati e spesso finiscono per inquinare i mari o le acque dolci e possono uccidere animali e vegetali. Di recente un video diffuso da organizzazioni ecologiste per promuoverne il bando in tutto il mondo ha mostrato immagini shock di tartarughe di mare gravemente ferite da cannucce disperse.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali