FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Decreto fiscale, dal Senato arriva lʼok al 5 per mille per i parchi naturali

La Commissione Bilancio ha approvato un emendamento che include gli enti gestori delle aree protette tra i soggetti beneficiari

Decreto fiscale, dal Senato arriva l'ok al 5 per mille per i parchi naturali
Parco del Gran Paradiso

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento al decreto fiscale che include gli enti gestori delle aree protette tra i soggetti che i contribuenti possono indicare quali beneficiari del 5 per mille dell'Irpef. "È una bellissima notizia, in questo modo i parchi potranno avere ulteriori risorse per salvaguardare la biodiversità e fare sviluppo sostenibile", ha affermato Massimo Caleo (Pd), vicepresidente della Commissione Ambiente.

L'appello dei gestori dei parchi: "Approvare la riforma" - Un appello perché venga approvata rapidamente la riforma della legge 394/91 sui parchi, che attende solo il voto finale del Senato, è stato firmato da 158 amministratori di parchi e politici di enti locali. "Il lunghissimo lavoro che ha interessato l'aggiornamento della legge sui parchi è giunto molto vicino alla conclusione", si legge nell'appello.

"No alle trivelle" - "L'impianto della legge, costruito al Senato e ritoccato dalla Camera, migliora enormemente il testo vigente e ne aggiorna molti dei contenuti". "Voci di corridoio - hanno proseguito i firmatari - riportano che il provvedimento non sarebbe ancora licenziato dalla Commissione competente e assegnato all'Aula perché il ministero dello Sviluppo economico non condivide che nel testo sia riportato il divieto di effettuare nuove ricerche ed estrazioni di idrocarburi all'interno dei parchi. Sembra impossibile che questo sia vero! Non possiamo credere che il governo di una democrazia occidentale possa pensare che sia possibile ricercare ed estrarre petrolio all'interno dei parchi".

Per questo motivo, si legge ancora nell'appello, "chiediamo che venga velocemente rimosso ogni ostacolo all'approvazione definitiva della riforma" e "sollecitiamo il Senato perché concluda l'ottimo lavoro fatto dal Parlamento italiano in questi anni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali