FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Clima, trenta nuotatori nel Mar Morto per lanciare lʼallarme: il livello cala di un metro allʼanno

Il bacino è minacciato dalla deviazione del suo principale affluente, il Giordano, e dalla continua evaporazione

Trenta nuotatori di varie nazioni hanno partecipato a una traversata senza precedenti del Mar Morto, con l'obiettivo di attirare l'attenzione internazionale sulla sua sorte. Il livello del bacino continua infatti ad abbassarsi di oltre un metro all'anno per la deviazione delle acque del principale affluente, il Giordano, e per la continua evaporazione dovuta ai cambiamenti climatici. Per affrontare la prova, organizzata dalla ong Eco Peace Program, gli atleti hanno dovuto dotarsi di maschere particolari.

Trenta nuotatori nel Mar Morto lanciano lʼallarme clima

I preparativi della gara hanno richiesto un anno di addestramento, anche per i rischi legati allo sforzo prolungato (oltre sette ore) in acque caratterizzate da una salinità del 36%.

Salvare il Mar Morto - "Siamo forse l'ultima generazione ancora in grado di fermare il declino del Mar Morto e le gravi ripercussioni che ciò avrebbe sull'ambiente", hanno sottolineato gli organizzatori. "Occorre adesso uno sforzo internazionale - hanno aggiunto - per salvare quella che in passato è stata considerata una delle meraviglie del mondo e che ora si sta avviando verso uno stato di abbandono".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali