FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Si contesero la paternità di Facebook: oggi i gemelli Winklevoss sono i primi miliardari di Bitcoin

Nel 2013 utilizzarono una parte dellʼindennizzo ricevuto da Zuckerberg per investire in criptovaluta

I gemelli Winklevoss beffano Zuckerberg. Potrebbe essere il titolo di un ipotetico sequel di "The social network", il film del 2010 che per primo ha raccontato la controversa nascita di Facebook. Sì perche' loro, Tyler e Cameron, oggi aitanti 36enni con un passato da atleti olimpici di canottaggio, nel 2003 idearono con un altro studente di Harvard, l'allora amico Mark Zuckerberg, una rete studentesca online che poi sarebbe diventata l'attuale Facebook.

Oggi il social network è un impero che vale 70 miliardi di dollari, tutto in mano a Mark. Tyler e Cameron, estromessi dopo pochi mesi, qualche anno più tardi riuscirono a farsi riconoscere un risarcimento di "appena" 65 milioni, ma hanno saputo giocare le loro carte. Di quel gruzzolo, nel 2013 hanno investito 11 milioni negli allora semi sconosciuti bitcoin, allora quotati a 120 dollari. Ma ora che la febbre delle criptovalute hanno portato il bitcoin a sfondare quota 12 mila, i due si ritrovano con un tesoretto che vale oltre 1 miliardo di dollari. Una piccola rivincita contro Zuck sicuramente, e anche se la strada per recuperare è lunga, chissà che la saga dei gemelli d'oro non si arricchisca presto di un terzo episodio...

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali