FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Pensione, al vaglio lʼipotesi di innalzare età minima: dal 2019 serviranno 67 anni

Si è infatti allungata la speranza di vita di chi ha 65 anni

Il provvedimento è atteso per dopo l'estate, sempre che le imminenti elezioni politiche non facciano cambiare idea al governo Gentiloni. Come riferisce il "Corriere della sera", i tecnici stanno per ora lavorando a un decreto che potrebbe rivedere l'età minima per andare in pensione a 67 anni (adesso servono 66 anni e 7 mesi). Si è infatti, innalzata la speranza di vita che l'individuo ha quando ha compiuto 65 anni: per gli uomini si è allungata a 19,1 anni dai precedenti 18,6 anni; per le donne invece, si è arrivati a 22,4 anni dai 22 secchi.

A mitigare gli effetti dell'impopolare provvedimento, potrebbe essere l'Ape (anticipo pensionistico) a pieno regime. Questo strumento è da poco entrato in vigore ma soltanto nella versione Ape sociale, vale a dire quella riservata a disoccupati, invalidi, chi ha svolto lavori usuranti.

Chi riceverà l'Ape sociale potrà avere anche il bonus di 80 euro previsto per i redditi da lavoro bassi con la conseguenza che l'indennità annua netta percepita nei tre anni precedenti la pensione (erogata per 12 mesi l'anno invece dei 13 previsti per la pensione) potrà essere uguale o anche maggiore del reddito da pensione.

Lo ha spiegato  Stefano Patriarca, uno dei tecnici che ha lavorato al dossier Ape ricordando che per i pensionati non è previsto il bonus di 80 euro. Patriarca ribadisce che l'Ape sociale non è una forma di pensione anticipata, ma un nuovo ammortizzatore sociale per i lavoratori anziani in difficoltà, uno strumento che finora non esisteva.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali