FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Manovra, nella bozza spunta lʼipotesi di una "mini-patrimoniale" sulle polizze vita ma poi arriva il dietrofront

Salta il bollo del 2 per mille sulle comunicazioni relative alle polizze vita rivalutabili a capitale garantito. Tra le novità la precompilata Iva e lʼecobonus anche per le case popolari

Manovra, nella bozza spunta l'ipotesi di una "mini-patrimoniale" sulle polizze vita ma poi arriva il dietrofront

Nella Legge di Bilancio non ci sarà il bollo del 2 per mille sulle comunicazioni relative alle polizze vita rivalutabili a capitale garantito. La misura, inizialmente valutata e inserita in alcune bozze circolate, non entrerà invece nel testo definitivo. Nella manovra anche un'asta dei crediti fiscali che giacciono nel "magazzino" della vecchia Equitalia e l'obbligo di fatturazione elettronica tra privati ma solo dal 2019.

Tra i dettagli che emergono dalle prime bozze, anche alcune novità rispetto alle indiscrezioni dei giorni scorsi, a partire dal rinvio di un anno dell'Iri, la tassa al 24% per ditte individuali e società di persone, che da sola vale circa 2 miliardi. Ecco, punto per punto, i principali interventi previsti:

Precompilata Iva e fatturazione elettronica - Arriva la dichiarazione Iva precompilata anche per gli autonomi. L'Agenzia delle entrate metterà a disposizione la bozza di dichiarazione Iva (ma anche quella dei redditi), i prospetti periodici di liquidazione Iva e le bozze dei modelli F24 di versamento (anche con le compensazioni). Il tutto sulla base dei dati della fatturazione elettronica. La "e-fatturazione" sarà obbligatoria per tutti, anche tra privati, a partire dal 2019. Anticipata invece al primo luglio 2017 per le "cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori" e le "prestazioni rese da soggetti subappaltatori nei confronti dell'appaltatore principale nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una amministrazione pubblica".

Mini-cedolare del 10% sugli affitti diventa strutturale - Diventa strutturale la mini-cedolare del 10% che si applica sugli affitti a canone concordato. Il settore chiede di estenderla ai negozi.

Ecobonus anche per le case popolari - Confermati anche per il 2018 gli ecobonus per gli interventi di ristrutturazione edilizia e di efficienza energetica di cui possono usufruire anche gli Istituti autonomi per le case popolari. La detrazione è ridotta al 50 per cento per le spese relative agli interventi di acquisto e posa in opera di finestre, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Rinvio di un anno per l'Iri - L'imposta al 24% sul reddito per le ditte individuali e per le società di persona a contabilità ordinaria, che doveva valere dal 2017, quindi sulle prossime dichiarazioni dei redditi. Si dovrebbe trattare di un rinvio di un anno. Vale 2 miliardi.

Bonus per le assunzioni dei giovani - Il nuovo sconto per le assunzioni con il Jobs Act degli under 29, età che sale agli under 35 per il solo 2018, se non utilizzato per gli interi 3 anni alla prima assunzione, sarà 'portabile' indipendentemente dall'età della nuova assunzione. Il bonus non si applica al lavoro domestico. Lo sconto vale però per la trasformazione dell'apprendistato e dei contratti a termine.

All'asta i crediti da riscossione - La nuova Agenzia Entrate-Riscossione potrà provvedere alla cessione pro-soluto, con procedura di evidenza pubblica da adottarsi entro fine marzo, di crediti per i quali ha attivato la procedura di incasso, relativi al 2000-2010. Il prezzo di cessione, che sarà pagato in tre rate annuali fino al 2020, non potrà essere inferiore a 4 miliardi 86 milioni. Non rientrano nella cessione i crediti sui quali siano in atto procedure concorsuali, rateizzazioni o rottamazione.

Riflettori sui redditi da vendita delle opere d'arte - L'occhio del fisco sulla vendita di oggetti d'arte, di antiquariato o da collezione. Due le ipotesi: o un intervento sulle aliquote Iva, o una tassazione sul reddito percepito, consentendo alla casa d'asta di scomputare le spese di restauro, assicurazione e custodia, o in alternativa considerare ai fini della tassazione sui redditi un forfait del 40% del reddito percepito.

Superammortamento scende al 130% - Scende dal 140% al 130% il superammortamento per l'acquisto da parte di imprese e professionisti di beni materiali strumentali nuovi, esclusi i veicoli e gli altri mezzi di trasporto, acquistati entro il 31 dicembre 2018 o entro il 30 giugno 2019, a condizione che entro il 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione. L'iperammortamento viene confermato al 250% entro il 31 dicembre del prossimo anno o entro il 31 dicembre 2019 se l'ordine è accettato entro fine 2018 ed è stato pagato un acconto di almeno il 20%.

Manovra, ecco le misure principali nel ddl bilancio

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali