FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Made in Italy, cresce lʼexport di piccole e micro imprese

Ma pesa, negativamente, il rallentamento degli emergenti e della Russia in particolare

Made in Italy, cresce l'export di piccole e micro imprese

Il rallentamento delle economie emergenti – della Russia, soprattutto – interessa anche le piccole e micro imprese che, guarda caso, nel corso del 2015 hanno visto diminuire la domanda dello 0,6% condizionando perciò l'andamento delle esportazioni. Tale perdita è stata però compensata dalla domanda delle economie avanzate e nel complesso l'export nei settori di micro e piccola impresa (MPI) è cresciuto.

Questa, in sintesi, la recente indagine di Confartigianato sul Made in Italy nei settori di MPI. Nel totale il risultato è positivo: nel periodo quarto trimestre 2014 - terzo trimestre 2015 l'export è valso 114,7 miliardi di euro, pari al 7,1% del Pil. Nei primi nove mesi del 2015 l'export è così cresciuto di 3.132 milioni di euro, +3,8% rispetto all'anno precedente. Un aumento del 4,1% è stato osservato nel manifatturiero e ancora aumenti superiori alla media per i settori delle altre manifatture (9,5%), alimentare (6,6%) e mobili (6,4%).

Il dato è particolarmente importante in quanto nel sistema produttivo italiano prevalgono le imprese di piccolissima dimensione: nel 2013 – secondo le rilevazioni dell'Istat diffuse nel report sull'imprenditorialità in Italia – le micro imprese (meno di dieci addetti) rappresentavano l'86,4% delle unità produttive.

L'export, insomma, è cresciuto del 5,4% verso le economie avanzate mentre i paesi emergenti segnano un calo della domanda dello 0,6%. A pesare, non poco, in quest'ultimo segmento è il crollo della Russia (-33,5%), altrimenti si sarebbe registrato un incremento del 4,3%, un valore in fondo non tanto distante dal +5,4% dei paesi avanzati.

Tra i principali mercati del Made in Italy si rileva una crescita superiore ai cinque punti percentuali nei casi di Stati Uniti (+20,4%), Corea del Sud (+17%), Cina (+12,9%), Hong Kong (+10,1%), Polonia (+8,9%), Regno Unito (+8,8%), Spagna (+7,3%) e Svizzera (+5,7%). In calo, invece, Francia (-0,1%), Belgio (-1,2%) Emirati Arabi Uniti (-1,5%), Austria (-1,7%), Grecia (-7,2%) fino ad arrivare, appunto, al crollo delle vendite in Russia.

Il ribasso del prezzo del petrolio potrebbe, anch'esso, ricoprire un ruolo fondamentale nel determinare l'andamento dell'export (nel lungo periodo, infatti, i principali paesi produttori potrebbero non giovare della cosiddetta guerra dei prezzi). Se così fosse a crescere sarebbe la debolezza della domanda del made in Italy, visto che – avverte Confartigianato – 41 paesi emergenti produttori di petrolio pesano per il 15,1% dell'export e i 19 emergenti fornitori dell'Italia per il 7,7%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali