FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Le difficoltà delle imprese meridionali

Oltre ad accedere con maggiori difficoltà al credito bancario, una parte degli imprenditori meridionali fa i conti anche con una pressione fiscale particolarmente elevata

Le difficoltà delle imprese meridionali

Il ministero dello Sviluppo economico (MISE) ha ottenuto l'approvazione di una dotazione finanziaria – complessivamente sono stati stanziati 700 milioni di euro destinati esclusivamente a cinque regioni meridionali: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia –, per gli investimenti delle imprese e per lo sviluppo del Mezzogiorno.

I fondi in questione potrebbero stimolare la crescita di una parte del Paese colpita duramente dalla crisi economica: secondo i calcoli dello SVIMEZ, l'Associazione per lo sviluppo dell'industria del Mezzogiorno, tra il 2008 e il 2015 degli 811mila posti di lavoro spariti complessivamente in Italia, ben 576mila sono stati persi nelle sole regioni meridionali.

Nonostante alcune previsioni positive – Confindustria e CERVED stimano che, seppure a ritmi di crescita inferiori rispetto alla media nazionale, nel 2016 le PMI meridionali vedranno crescere tanto il fatturato (+2,8%) quanto il valore aggiunto (+4,1%) – quest'anno non è iniziato nel migliore dei modi per gli imprenditori meridionali. Secondo Movimprese, l'indagine trimestrale sulla natalità e la mortalità delle imprese italiane registrate presso le Camere di Commercio, nel Mezzogiorno – dove si registra il più alto numero di imprese attive rispetto alle altre aree geografiche del Paese: 1.993.977 attività, secondo i dati aggiornati al 31 marzo 2016 –, nel primo trimestre del 2016, a fronte di 36.748 iscrizioni, le cessazioni sono state 39.870 cessazioni. Con un saldo negativo pari a 3.122 unità, dunque.

Oltre ad accedere con maggiori difficoltà al credito bancario – difficoltà sottolineate recentemente anche da Confesercenti –, una parte degli imprenditori meridionali fa i conti anche con una pressione fiscale particolarmente elevata, specie nel confronto con il resto del Paese. L'ultimo dossier del Centro Studi della CNA osserva che, tra i dieci comuni con il Total Tax Rate – ovvero il peso complessivo del fisco – più alto nel 2015, ben sei (Reggio Calabria, Catania, Bari, Napoli, Salerno e Foggia) sono meridionali. In particolare, nella città calabrese, che occupa il primo posto della classifica, il Total Tax Rate è pari al 73,2% contro il 61% della media nazionale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali