FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Lʼeconomia sommersa prende il volo: per la Cgia vale 211 miliardi di euro

Secondo lʼassociazione mestrina è cresciuta ancora nel biennio, portando la pressione fiscale, dal 43,7% ufficiale al 50,2% reale

L'economia sommersa prende il volo: per la Cgia vale 211 miliardi di euro

Se l'economia è da tempo in difficoltà, quella riconducibile alle attività in nero al contrario, secondo la Cgia di Mestre, non conosce crisi. E nel biennio 2014-2015 è arrivata, secondo le stime prudenziali dell'associazione, a valere 211 miliardi di euro. Mentre quella reale, nel biennio 2012-2013, è calata di 36,8 miliardi, scendendo sotto quota 1.400.

"Nel 2015 - sottolinea il coordinatore dell'Ufficio studi Paolo Zabeo - al lordo dell'operazione bonus Renzi, la pressione fiscale ufficiale in Italia è stata pari al 43,7 per cento. Tuttavia, il peso complessivo che il contribuente onesto sopporta è di fatto superiore ed è arrivato a toccare la quota record del 50,2 per cento". La pressione fiscale è infatti data dal rapporto tra l'ammontare complessivo del prelievo (imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali) e il Pil che si riferisce non solo alla ricchezza prodotta in un anno dalle attività regolari, ma anche da quella generata dalle attività sommerse e da quelle illegali.

"E' evidente che con un peso fiscale simile - dichiara il segretario Renato Mason - sarà difficile trovare lo slancio per ridare fiato all'economia del paese in una fase dove la crescita rimane ancora molto debole e incerta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali