FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Istat, lʼindustria torna a perdere quota: a novembre produzione -0,5%

Segnali negativi dopo le ultime indicazioni di ripresa. Ma la media dei primi undici mesi del 2015 resta positiva, con una crescita dellʼ1,1%

Istat, l'industria torna a perdere quota: a novembre produzione -0,5%

La produzione dell'industria torna a calare. Secondo l'Istat, a novembre l'indice è diminuito dello 0,5% rispetto al mese precedente, mentre è aumentato dello 0,9% rispetto a novembre del 2014. A ottobre invece si erano registrati aumenti sia a livello congiunturale (+0,5%) che tendenziale (+2,9%). I beni di consumo sono invece in calo sia sul mese che sull'anno (-1,3% su ottobre e -1,8% su novembre 2014).

Arrivano dunque segnali negativi dal mondo della produzione dopo che si era visto qualche segnale di crescita. Secondo l'Istituto di statistica, nei primi undici mesi dell'anno l'industria è salita dell'1,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

A novembre, rispetto al mese precedente, l'Istat ha registrato variazioni negative in tutti i principali settori. Oltre ai beni di consumo, perdono quota anche i beni strumentali (-0,8%), l'energia (-0,7%) e i beni intermedi (-0,4%).

Crescita tendenziale - In termini tendenziali invece gli indici corretti per gli effetti di calendario segnalano, a novembre 2015, aumenti nei beni strumentali (+3,6%), dell'energia (+2,1%) e dei beni intermedi (+0,7%). L'unico settore a segnare una variazione negativa è quello dei beni di consumo (-1,8%).

Rispetto a novembre 2014, le attività che crescono di più sono la fabbricazione di mezzi di trasporto (+13,6%), la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+10,5%) e la fabbricazione di prodotti chimici (+5,2%). Le diminuzioni maggiori si rilevano nei settori delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-5,1%), della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (-4,9%) e delle industrie alimentari, bevande e tabacco (-3,6%).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali