FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Inps: nel 2017 calano contratti stabili, è boom di quelli a chiamata (+129,5%)

Lʼincremento è spiegato con la necessità per le imprese di sostituire i vecchi voucher

Nei primi otto mesi del 2017 sono stati attivati oltre un milione di contratti a tempo indeterminato (1.032.486 comprese le trasformazioni) con un calo del 2,5% sullo stesso periodo 2016. Lo rileva l'Inps nell'Osservatorio sul precariato. I contratti a chiamata hanno invece registrato un aumento del 129,5%. Il boom è spiegato con la necessità per le imprese di sostituire i vecchi voucher.

Lavoro, i nuovi contratti attivati

L'Inps parla di "persistenza di una fase di ripresa occupazionale". Le assunzioni complessive nei primi otto mesi del 2017 sono state quasi 4.598.000, in aumento del 19,2% rispetto allo stesso periodo del 2016 mentre le cessazioni sono state 3.653.940, in crescita (+15,9%), ma meno delle assunzioni. Alla crescita delle assunzioni, il maggior contributo è dato dai contratti a tempo determinato (+26,3%) e dall'apprendistato (+25,9%) mentre sono diminuite le assunzioni a tempo indeterminato (-3,5%, nel complesso, -2,5% se si considerano anche le trasformazioni). L'Inps sottolinea che il calo rispetto al 2016 è interamente imputabile alle assunzioni a part time)

Tra le assunzioni a tempo determinato appare significativo l'incremento dei contratti di somministrazione (+19,2%) e ancora di più quello dei contratti di lavoro a chiamata (+129%) che hanno registrato un vero boom dopo la cancellazione dei voucher. Si registra un'ulteriore compressione dell'incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni (sono solo il 24% nei primi otto mesi del 2017): nel 2015, quando era in vigore l'esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato, era stato raggiunto il valore di 38,4%.

Le trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, incluse le prosecuzioni a tempo indeterminato degli apprendisti, sono risultate 240.000, con un lieve incremento rispetto allo stesso periodo del 2016 (+0,9%). Per le cessazioni, la crescita è dovuta principalmente ai rapporti a termine (+23,9%). Le cessazioni di rapporti a tempo indeterminato risultano sostanzialmente stabili (+0,3%).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali