FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il tasso di posti vacanti nellʼEurozona e in Italia

Mentre nellʼarea della moneta unica lʼEurostat indica una crescita allʼ1,9% nel primo trimestre, nel nostro Paese il dato si attesta allo 0,8%

Il tasso di posti vacanti nell'Eurozona e in Italia

Nel primo trimestre del 2017 il tasso di posti vacanti nell’Eurozona si è attestato all’1,9%, crescendo di due decimi sia rispetto al dato dell’ultimo trimestre del 2016 sia rispetto allo stesso trimestre di un anno fa (1,7%). Anche nell’Ue il tasso di posti vacanti si è attestato all'1,9%, ma in questo caso la crescita è stata di un decimo di punto (1,8% sia nel quarto trimestre del 2016 che nel primo dello stesso anno). È quanto emerge dalle ultime rilevazioni dell’Ufficio statistico dell’Unione europea, l’Eurostat.

A far crescere il dato è stato soprattutto il trend nel settore dei servizi, dove il tasso dei posti vacanti si colloca al 2,2%, mentre sia nell’industria in senso stretto che nelle costruzioni si è attestato all’1,5%, mantenendosi quindi al di sotto della media dell’intera economia dell’area. Anche nell’Ue-28 si è rilevato un andamento simile: nei servizi il tasso di posti vacanti si è attestato al 2,2%, mentre nell’industria e nelle costruzioni all’1,6%.

Tra i Paesi dell’area con i tassi più elevati (dove equiparabili, ovviamente, spiega l’Ufficio statistico) spiccano la Repubblica Ceca con il 3,1%, il Belgio con il 2,9%, la Finlandia e la Svezia con il 2,7% e la Germania con il 2,6%.

Ma cosa si intende per posti vacanti? Si tratta di posti di lavoro creati e per i quali il datore di lavoro svolge una ricerca attiva di personale. Il problema è che non tutti i Paesi calcolano il tasso attraverso gli stessi parametri. In Italia, ad esempio, per il calcolo di posti vacanti, spiega l’Eurostat nella nota metodologica, vengono considerate solo le aziende con 10 o più dipendenti, tralasciando quindi, al contrario di gran parte dei Paesi dell’area, le aziende più piccole.

Secondo l’Istat, nel primo trimestre del 2017 il tasso di posti vacanti si è attestato allo 0,8% nelle aziende italiane con almeno dieci dipendenti. Un dato stabile rispetto al quarto trimestre del 2016, ma in crescita dello 0,2% rispetto al primo trimestre di un anno fa. Osservando i settori considerati dall’indagine si può notare come a livello congiunturale sia i servizi che le costruzioni abbiano riportato una lieve crescita (+0,1%) a fonte della variazione nulla del settore dell’industria. A livello tendenziale invece, mentre i servizi registrano un +0,3%, costruzioni e industria si limitano entrambi ad un +0,1%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali