FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il dinamismo dellʼimprenditoria femminile in Italia

Se in termini di numerici le imprese femminili sono quelle che crescono di più, rispetto a quelle maschili hanno però unʼesistenza più breve

Il dinamismo dell'imprenditoria femminile in Italia

Quello registrato tra le imprese femminili – tra il 2014 e il 2016 sono aumentate dell'1,5% – è un tasso di crescita superiore alla media del sistema imprenditoriale che non è andato oltre lo 0,5%, sostiene un focus Censis-Confcooperative (Donne al lavoro, la scelta di fare l'impresa).

L'analisi osserva che le imprese femminili nascono principalmente in alcuni settori (nei servizi, nelle professioni e nell'industria alimentare) e nelle regioni centro-meridionali, dove i tassi di crescita sono rispettivamente del 2% e dell'1,8% (quelli registrati nel Nord-Ovest e nel Nord-Est del Paese sono incrementi più contenuti, entrambi pari all'1% circa). Il maggior dinamismo dell'imprenditoria femminile nel Mezzogiorno è stato certificato anche da altri studi, in realtà.

Oltre a quantificarne il numero, l'Osservatorio imprenditoria femminile di Unioncamere-Infocamere ha analizzato anche la distribuzione territoriale. Con risultati molto interessanti. Secondo i dati di Unioncamere-Infocamere – i più recenti a disposizione sono aggiornati al 31 marzo 2017 –, le imprese femminili registrate nel nostro Paese sono 1.316.017. Di queste, il numero più alto è attivo nel Mezzogiorno, dove il tasso di occupazione femminile è decisamente più basso rispetto alle altre aree del Paese: secondo l’ISTAT, nel primo trimestre 2017 era al 31,3% contro il 48,2% della media nazionale e il 58,8% rilevato nel Nord del Paese.

A dimostrazione che l'iniziativa imprenditoriale può essere un antidoto alla crisi occupazionale che riguarda principalmente le donne (e i più giovani). Nel Sud e nelle Isole, le aziende guidate da una donna sono 474.376, pari al 36% dell’universo imprenditoriale femminile italiano.

Nel Nord-Ovest, nel Nord-Est e al Centro sono molte di meno: rispettivamente 311.725, 231.520 e 298.396 unità. Non mancano le zone d'ombra, purtroppo. Se in termini numerici le imprese femminili sono quelle che crescono di più, rispetto a quelle maschili hanno però un'esistenza più breve: un'analisi di Confesercenti osserva che nel nel 2016 il ciclo di vita medio di un’impresa guidata da una donna è stato infatti di quasi due anni più corto rispetto alla media generale (12,9 anni contro 14,7 anni).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali