FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Fmi: in Italia lʼincertezza politica aumenta rischi per le banche

"Sul piano della politica di bilancio è necessario un consolidamento credibile per salvaguardare i conti pubblici", spiega il Fondo monetario internazionale parlando della situazione italiana

Fmi: in Italia l'incertezza politica aumenta rischi per le banche

Il Fmi torna a palare di Italia, spiegando che "se dovessero riemergere preoccupazioni sul mercato sulla politica di bilancio, il rischio è quello di riaccendere il legame fra banche e debito sovrano e le tensioni sul mercato potrebbero diffondersi ai mercati dei bond in Europa". I "recenti eventi in Italia suggeriscono che il legame fra banche e debito sovrano resta un importante canale di trasmissione di rischio", ha quindi aggiunto il Fmi.

"Gli spread italiani si sono ampliati. Dobbiamo guardare al processo politico per vedere se si arriva a un compromesso che il mercato reputa sostenibile", ha quindi spiegato Tobias Adrian, responsabile del Global Financial Stability Report, commentando le tensioni sul mercato italiano.

"Consolidamento credibile per tutela conti" - "Il nostro consiglio all'Italia è costante da anni: sul piano delle politica di bilancio è necessario un consolidamento credibile e notevole nel medio termine per salvaguardare i conti pubblici e per mettere il debito su una traiettoria di calo", ha aggiunto il responsabile del Fiscal Monitor del Fmi, Vitor Gaspar. "Questo è particolarmente importante per posizionare l'Italia in modo che possa minimizzare i rischi qualora si materializzino".

"Più poveri che nel 2008, Paesi riducano debito" - La necessità di ridurre il debito pubblico non rappresenta però un problema esclusivamente italiano. Le "ferite lasciate dalla crisi sono ancora evidenti e mettono in evidenza l'importanza per i governi di ridurre il debito e investire in asset di alta qualità", spiega infatti il Fmi, sottolineano che la ricchezza pubblica è minore ora di quanto non lo fosse nel 2008. In uno studio che prende in considerazione 31 Paesi che rappresentano il 61% dell'economia globale, il Fmi osserva come la loro ricchezza pubblica è 11.000 miliardi di dollari inferiore rispetto a prima della crisi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali