FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Famiglie, la spesa media scesa del 6,3% Otto su dieci aspettano offerte e saldi

Eʼ quanto emerge dal rapporto 2015 sui realizzato dalla Filcams-Cgil

Famiglie, la spesa media scesa del 6,3% Otto su dieci aspettano offerte e saldi

La crisi ha colpito e modificato i consumi. La spesa media mensile delle famiglie nel 2015 risulta inferiore del 6,3% rispetto al 2008 e del 2,9% rispetto a dieci anni prima. E' quanto emerge dal rapporto 2015 "I consumi delle famiglie italiane" realizzato dalla Filcams-Cgil. Emerge poi che, per risparmiare, l'80% delle famiglie nel corso del 2015 ha pianificato e fatto acquisti nei periodi in cui i prodotti erano in offerta o in saldo.

Spending review anche sulla salute - La spending review familiare ha riguardato innanzitutto la voce che raggruppa il vestirsi, il prendersi cura di sé e l'andare in vacanza, con un taglio della spesa pari al 18,5% sempre rispetto all'anno di inizio della crisi (scendendo a 264 euro al mese nel 2015 dai 324 euro mensili del 2008). A diminuire è anche la spesa per la salute, l'istruzione e l'informazione, abbattuta del 10% (da 140 a 126 euro mensili). Quella per mangiare e abitare, sempre secondo il rapporto, perde il 2% (da 1.469 a 1.440 euro).

Cambiano le modalità di acquisto - Così, per far fronte alle difficoltà della crisi, sono cambiate anche le modalità di acquisto. Cercare il miglior prezzo, fare scorte quando il prodotto è in offerta, comprare articoli usati, nei discount o negli outlet, ricorrere agli acquisti online è la strategia che sempre più spesso viene messa in campo dalle famiglie.

Internet fa da bussola negli acquisti - Il 30% delle famiglie verifica prima online i migliori prezzi di vendita dei prodotti alimentari che andrà a comprare, percentuale che sale al 63% quando si tratta di generi non-alimentari. Dal rapporto emerge anche che sette famiglie su dieci hanno cambiato standard di consumo. E che il 29% dichiara consumi inferiori alle sue necessità reali, non riuscendo quindi a soddisfare tutti i bisogni effettivi.

Si riduce la quantità e la qualità dei prodotti
- Quanto agli standard di consumo, nel complesso il 57% delle famiglie italiane, negli ultimi anni, ha ridotto la quantità e/o la qualità della spesa alimentare. Se si considerano i consumi non-alimentari - emerge sempre dal rapporto - la quota sale al 72%. In particolare il 5% delle famiglie ha abbassato il livello di qualità dei prodotti alimentari che acquista, il 34% ha tagliato sulla quantità, mentre il 19% ha ridotto sia qualità sia quantità. Ancora più netti i cambiamenti che riguardano la spesa non alimentare: il 5% ha ridotto la qualità, il 42% la quantità e il 26% qualità e quantità.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali